boxer the national

The National – Boxer

Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, ovviamente riadattate. Sì, perchè i National sono una creatura musicale a sé stante, che risente anche della musica indipendente americana, molto più cantautoriale (vedi Bright Eyes e Death Cab for Cutie) rispetto a quella inglese. Il risultato sono brani destinati a durare nel tempo e nella memoria, grazie ad arrangiamenti curati quanto basta (ma efficaci), che aggiungono una bellezza maestosa ed evocativa alle calde e avvolgenti melodie.

Canzone rappresentativa: Fake Empire

Articoli correlati

  • Un Disco Italiano All’Anno: 2002Un Disco Italiano All’Anno: 2002 Valentina Dorme - Capelli Rame Un album avvolgente, pieno di poesia ed immagini evocative, che fa persino tornare alla mente il maestro De Andrè. Queste sono le credenziali […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Un Disco All’Anno: 2003Un Disco All’Anno: 2003 The White Stripes - Elephant Ridurre questo album alla sola hit mondiale "Seven Nation Army" è a dir poco riduttivo. Qui di carne al fuoco ce n'è in abbondanza, il duo […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2003Un Disco Italiano All’Anno: 2003 Morgan - Canzoni Dell'Appartamento Al debutto da solista dopo l'esperienza con i Bluvertigo, Morgan realizza un'opera avulsa da qualsiasi contesto musicale. Ogni brano ha […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Paolo Moneti 28 anni, musicologo e musicista per passione, suona la chitarra dall'età di 16 anni.