Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Io Ci Avevo una Bella Balilla: Accordi

Prontuario con tutti gli accordi, Spedizione gratis!
Intro: LA RE RE Io c'avevo 'na bella Balilla LA7 Foderata de pelle d'anguilla Mo v'aricconto de come mi è annata RE Co' quattro e quattr'otto me l'hanno smontata Prima ve dico er mestiere che faccio LA7 So' er più sverto de tutto Testaccio Venno la soda, viscipa e sapone RE 'Na piotta alla vorta me faccio 'n vagone Io vado in giro còr motofurgone LA7 Co' varecchina, majetta e carbone Mo c'ho 'na frega de carte da mille RE Vojo compramme 'na bella Balilla Lascio la macchina sotto a la porta LA7 M'hanno fregato la rota de scorta L'ho spostata pe' 'n'antra via RE E m'hanno sfonnato la carozzeria RE Poi c'è mi' nonno, che c'ha 'r diabete LA7 S'è magnato tutto er magnete E a visitallo vie' fori 'n dottore RE Me se smorfisce er radiatore Mi cugina che porta l'occhiali LA7 Me s'è fregato li du' fanali E 'na signora lunga e larga RE Me s'è fregata la mia bella targa RE Un turista bon tempone LA7 Me s'è magnata la frizione E 'na faccia da delinguente RE Me voleva leva' la patente Me se fa incontro mi' sorella LA7 Che me se pija un pistone e 'na biella Poi c'è il regazzo ch'è cento chili RE M'ha sfonnato pure li sedili Se te dico che robba da scemi LA7 Se so' smorfiti pure li freni M'è sparito pure 'r motore RE Me sta a veni' er mar de core Passa 'n maschietto co' du' regazzine LA7 Me fanno secche le lampadine Io me c'addanno e a momenti schioppo RE Quelli se magneno pure 'r cruscotto Poi c'è mi' zia Carolina LA7 Me s'è bevuta la benzina Tutta quanta in un momento RE Dentr'ar tubo de scappamento Io ce l'avevo 'na bella Balilla LA7 Foderata de pelle d'anguilla Mo de 'sto ber mio macchinone RE LA7 RE Me c'è rimasto solo 'n bollone
Prontuario con tutti gli accordi, Spedizione gratis!
 

Io Ci Avevo una Bella Balilla: Video

Io Ci Avevo una Bella Balilla è un brano tratto dal repertorio degli stornelli romani, interpretato e inciso dal protagonista assoluto di questo stile: Alvaro Amici. L'artista romano cresciuto alla Garbatella, realizza la sua versione nel 1972 ormai già molto popolare anche al di fuori dai confini regionali. Il testo nasce però dalla tradizione lombarda ed è grazie alla sua versione che si tramuta in un simpatico stornello romano; racconta le vicende surreali di un ragazzo sfortunato con i motori.

 

Articoli correlati

 Alvaro Amici: Vedi tutte le canzoni
Daje de Tacco Daje de Punta: Sora Assunta
Daje de Tacco Daje de Punta, noto come "Il Ballo della Sora Assunta" è un brano tratto dal repertorio degli stornelli r...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
36 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).