Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Viva Zapata!: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: DOm SOLm DOm SOLm DOm SOLm DOm SOLm DOm SOLm L'alba che l'indio non potrà scordare LAb DOm SIb SOL7 DOm tre ombre lunghe nascosero il sole LAb hanno sfruttato il vento hanno sfruttato il mare FAm SOL7 e una stella si lasciò guardare DOm SOLm L'ombra di legno poi vomiterà LAb DOm SIb SOL7 DOm uomini col volto rinchiuso nell'elmo LAb alzeranno bandiere alzeranno le croci FAm SOL7 alzeranno le spade di ferro DOm SOLm LAb SIb e nel nome del Padre e di Sua Maestà DOm LAb FAm SOL7 nasconderanno all'indio la libertà DOm SOLm LAb SIb il verbo e le catene i santi e gli eroi DOm LAb FAm SOL7 LAb gridano i poveri "poveri noi" DOm REm SOL7 Con il sangue uscirà anche la rabbia la rivolta DOm LAb DOm LAb e quando arriverà la sera l'indio caccerà Colòn DOm LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 e nei suoi pensieri entrerà la Libertà DOm SIb LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 Terratenientes y explotadores DOm SIb LAb SOL7 conquistadores nietos a Colòn DOm SIb LAb SOL7 vuestra orejas escondida por l'elmo DOm SOb LAb SOL7 en la noche oyeran DOm SIb LAb SOL7 Que viva Zapata DOm SIb LAb SOL7 Que viva Zapata ...¡cabrones! DOm SIb LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 DOm LAb DOm LAb DOm LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 DOm Su un cavallo bianco arriverà SIb LAb SOL7 DOm quello che sente Centroamerica SIb LAb SOL7 DOm per dire a Lincoln per dire a Colòn SIb LAb SOL7 l'orgoglio dell'indio non sta dormendo DOm SIb LAb SOL7 Que viva Zapata DOm SIb LAb SOL7 Que viva Zapata ...¡cabrones! DOm SIb LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7 DOm SIb LAb SOL7
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: CONTI ANGELO
Copyright: © ALA BIANCA GROUP SRL
 

Viva Zapata!: Video

Viva Zapata! è un brano composto e inciso dalla Banda Bassotti, contenuto nell'album Avanzo de cantiere pubblicato nel 1995. Terzo lavoro in studio per la band romana, è dedicato ai tanti morti sul lavoro, che in Italia nel 1994 furono ben 1135, e ai troppi minatori deceduti nelle miniere africane. La canzone, che come molte del disco porta la firma del frontman Angelo "Sigaro" Conti, è un'energica ballata folk-ska dai toni latineggianti; uno dei loro inni alla libertà.

Articoli correlati

 Banda Bassotti: Vedi tutte le canzoni
Avanti Popolo
Avanti Popolo è un brano della tradizione popolare reinterpretato dalla Banda Bassotti, contenuto nell'album Check Poin...
Il Palazzo d’Inverno
Il Palazzo d'Inverno è un brano composto e inciso dalla Banda Bassotti, contenuto nell'album L'altra faccia dell'impero...
El Pueblo Unido Jamás Será Vencido
El Pueblo Unido Jamás Será Vencido è un brano celebre del repertorio tradizionale cileno reinterpretato dalla Banda B...
Fischia il Vento
Fischia il Vento è un brano della tradizione popolare italiana reinterpretato dalla Banda Bassotti, contenuto nell'albu...
Figli della Stessa Rabbia
Figli della Stessa Rabbia è un brano composto e inciso dalla Banda Bassotti, contenuto nell'album omonimo pubblicato ne...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).