La Luce dell’Est è un brano scritto e interpretato da Lucio Battisti contenuto nell’album Il mio canto libero pubblicato nel 1972. Scritto naturalmente a quattro mani con il mitico paroliere Mogol, è stato ed è tutt’oggi un grandissimo successo. La canzone apre il disco e lo fa con una introduzione di archi molto suggestiva, utilizzando un accordo sospeso, fatto di none e settime secondarie. Il testo parla di un amore lontano ma che ritorna alla mente una mattina durante una passeggiata nel bosco. Probabilmente è un amore che proviene da qualche paese dell’est, qui il parallelismo con il Sole che sorge. Un autentico capolavoro.

Testo e Accordi per chitarra.

Lucio Battisti La Luce dell’Est Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro: FA7+/9 DO DO7+ La nebbia che respiro ormai DO6 DO si dirada perché davanti a me FA DO SOL un sole quasi bianco sale ad est SOL REm La luce si diffonde ed io SOL REm7 questo odore di funghi faccio mio FA SOL DO FA SOL seguendo il mio ricordo verso est DO DO7+ Piccoli stivali e sopra lei DO6 DO una corsa in mezzo al fango e ancora lei FA DO SOL7 poi le sue labbra rosa e infine noi SOL REm Scusa se non parlo ancora slavo SOL REm mentre lei che non capiva disse bravo FA SOL DO FA SOL e rotolammo fra sospiri e "da" DO DO7+ Poi seduti accanto in un'osteria DO6 DO bevendo un brodo caldo che follia FA DO SOL io la sentivo ancora profondamente mia FA Ma un ramo calpestato ed ecco che DO ritorno col pensiero... DO E ascolto te DO7+ il passo tuo FA FAm DO il tuo respiro dietro me FA SOL A te che sei il mio presente DO LAm a te la mia mente FA SOL e come uccelli leggeri DO LAm fuggon tutti i miei pensieri FA SOL per lasciar solo posto al tuo viso DO MI7 LAm DO/SOL che come un sole rosso acceso FA DO arde per me...
RE RE7+ Le foglie ancor bagnate RE6 RE lascian fredda la mia mano e più in là SOL RE LA7 un canto di fagiano sale ad est LA MIm7 qualcuno grida il nome mio LA MIm7 smarrirmi in questo bosco volli io SOL LA per leggere in silenzio RE SOL LA un libro scritto ad est RE RE7+ Le mani rosse un poco ruvide RE6 RE la mia bocca nell'abbraccio cercano SOL RE LA7 il seno bianco e morbido tra noi LA MIm7 Dimmi perché ridi amore mio LA MIm7 proprio così buffo sono io SOL LA RE SOL LA la sua risposta dolce non seppi mai! RE RE7+ L'auto che partiva e dietro lei RE6 RE ferma sulla strada lontano ormai SOL RE LA lei che rincorreva inutilmente noi SOL Un colpo di fucile ed ecco che RE ritorno col pensiero... RE e ascolto te RE7+ il passo tuo SOL SOLm RE il tuo respiro dietro me SOL LA A te che sei il mio presente RE SIm a te la mia mente SOL LA e come uccelli leggeri RE SIm fuggon tutti i miei pensieri SOL LA per lasciar solo posto al tuo viso RE FA#7 SIm RE/LA che come un sole rosso acceso SOL RE arde per me eh... SOL LA RE SIm SOL LA RE SIm Na na na na... SOL LA RE FA#7 SIm RE/LA come un sole rosso acceso SOL RE arde per me eh.. SOL LA RE SIm SOL LA RE SIm Na na na na... SOL LA RE FA#7 SIm RE/LA SOL RE

Articoli correlati

  • L’AquilaL’Aquila L'aquila è un brano della coppia Lucio Battisti Giulio Rapetti in arte Mogol contenuto nel celebre album Il Mio Canto Libero uscito nel novembre del 1971. Una canzone dalle […]
  • ConfusioneConfusione Confusione è un brano scritto e interpretato da Lucio Battisti contenuto nell'album Il mio canto libero pubblicato nel 1972. Scritto insieme a Mogol, rimane uno dei dischi […]
  • Io Vorrei Non Vorrei Ma Se VuoiIo Vorrei Non Vorrei Ma Se Vuoi Io Vorrei Non Vorrei Ma Se Vuoi è un brano scritto e interpretato da Lucio Battisti contenuto nell'album Il mio canto libero pubblicato nel 1972. Scritto insieme al paroliere […]
  • Eppur Mi Son Scordato Di TeEppur Mi Son Scordato Di Te Lucio Battisti compose Eppur Mi Son Scordato Di Te nei primi anni '70 su testo del solito Mogol per farla incidere ai Formula 3, gruppo che egli stesso aveva sotto contratto con […]
  • Vento nel VentoVento nel Vento Vento nel Vento è un brano scritto e interpretato da Lucio Battisti contenuto nell'album Il mio canto libero pubblicato nel 1972. A pochi mesi di distanza dal disco precedente […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, chitarrista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO.
Lucio Battisti