Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Confusione: Accordi

DO Tu lo chiami solo un vecchio sporco imbroglio FA ma è uno sbaglio è petrolio DO troppo furbo per non essere sincero FA ma è davvero oro nero DO FA Io perché non dovrei dirti tutto quello che sento nel cuore DO FA Io perché non dovrei parlarti di tutto anche di un nuovo mio amore DO FA sei o non sei sei o non sei al di sopra di ogni mia grande passione DO Confusione FA FA7 Confusione mi dispiace DO SOL se sei figlia della solita illusione FA DO e se fai Confusione FA Confusione DO SOL FA DO FA DO FA tu vorresti imbalsamare anche l'ultima e più piccola emozione DO Se tu credi che il carbone bruci meglio FA è un abbaglio è petrolio DO Comunque se ami più del fuoco il fumo di un cero FA non usare l'oro nero DO FA Ma perché non dovrei liberare qualunque sentimento per chiunque sia DO FA tanto sai io non ti sentirei certamente per questo meno mia DO FA Ma chi mai disse che si deve amar come se stessi il prossimo con moderazione DO Confusione FA FA7 Confusione mi dispiace DO SOL se sei figlia della solita illusione FA DO e se fai Confusione FA Confusione DO SOL FA DO FA tu vorresti imbalsamare anche l'ultima e più piccola emozione DO FA DO SOL FA DO Confusione Confusione DO FA E non dir che antico privilegio d'uomo per mia comodità faccio mio DO FA perché tu comunque libera saresti se libera vuoi essere come sono io DO FA Credi che ma credi che qualcuno possa darti amore se dell'amore suo non è padrone DO Confusione FA FA7 Confusione mi dispiace DO SOL se sei figlia della solita illusione FA DO e se fai Confusione FA Confusione DO SOL FA DO tu vorresti imbalsamare anche l'ultima e più piccola emozione FA DO SOL FA DO DO FA DO Confusione
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Confusione: Video

Confusione è un brano scritto e interpretato da Lucio Battisti contenuto nell'album Il mio canto libero pubblicato nel 1972. Scritto insieme a Mogol, rimane uno dei dischi capolavoro di tutti i tempi. La canzone, uno dei pochi pezzi rock dell'album, tratta uno dei temi più cari di Mogol, l'ecologia e la natura. In questo caso in veste negativa poiché si parla di oro nero, petrolio. Uno dei primi testi di denuncia su temi ambientali, dove lo sfondo, come sempre, lo fa l'amore.

Articoli correlati

  • Fiori Rosa Fiori di PescoFiori Rosa Fiori di Pesco Intro: FA6 RE7 SOLm6 LA7 REm REm7+ REm7 REm6 SOLm LA7 Fiori rosa, fiori di pesco, c'eri tu REm REm7+ REm7 REm6 Fiori nuovi, […]
  • Io Vorrei Non Vorrei Ma Se VuoiIo Vorrei Non Vorrei Ma Se Vuoi MIm LAm7 Dove vai quando poi resti sola LAm6 SI7 MIm il ricordo come sai non consola […]
  • Vento nel VentoVento nel Vento DOm SOLm LAb MIb Io e te io e te perché io e te DOm SOLm7 FAm7 Qualcuno ha scelto forse per noi DOm […]
  • AnnaAnna Intro: FA LAm FA LAm FA LAm FA Hai ragione anche tu LAm FA Cosa voglio di più LAm FA Un lavoro io […]
  • La Luce dell’EstLa Luce dell’Est Intro: FA7+/9 DO DO7+ La nebbia che respiro ormai DO6 DO si dirada perché davanti a me FA DO […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).