Spunta la Luna dal Monte è un brano scritto e interpretato dalla copia formata dai Tazenda e Pierangelo Bertoli, presentata al Fetival di Sanremo 1991. La canzone si classifica al quinto posto ed è un misto tra la il dialetto sardo e la lingua italiana, riscuotendo ottimo successo di pubblico con ben un milione e mezzo di copie vendute e ottimi riscontri di critica.

Spunta la Luna dal Monte Accordi Chords Testo

RE SOL Notte scura, notte senza la sera LA SOL RE notte impotente, notte guerriera SOL SIm per altre vie, con le mani le mie LA SOL RE cerco le tue, cerco noi du--e RE Spunta la luna dal monte spunta la luna dal monte RE Tra volti di pietra tra strade di fango cercando la luna, cercando danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente a volte sciogliendosi in pianto LA RE un canto di sponde sicure LA RE ben presto dimenticato SOL SIm FA# SI4 SI voce dei poveri resti di un sogno mancato RE In sos muntonarzos, sos disamparados chirchende ricattu, chirchende in mesu a sa zente, in mesu a s'istrada dimandende Sa vida s'ischidat pranghende LA RE bois fizus 'e niunu LA RE in sos annos irmenticados SOL SIm tue n'dhas solu chimbantunu FA# SI4 SI ma paren' chent' annos RE SOL Coro meu, fonte 'ia, gradessida LA SOL RE gai purudeo, potho bier'sa vi--da SOL SIm Dovunque cada l'alba sulla mia strada LA SOL RE senza catene, vi andremo insie-me RE Spunta la luna dal monte beni intonende unu dillu spunta la luna dal monte
MI spunta la luna dal monte beni intonende unu dillu spunta la luna dal monte beni intonende unu dillu MI In sos muntonarzos, sos disamparados chirchende ricattu, chirchende in mesu a sa zente, in mesu a s'istrada dimandende Sa vida s'ischidat pranghende MI Tra volti di pietra tra strade di fango cercando la luna, cercando danzandoti nella mente, sfiorando tutta la gente a volte sedendoti accanto SI MI un canto di sponde sicure SI MI di bimbi festanti in un prato LA DO#m SOL# voce che sale più in alto DO#4 DO# di un sogno mancato MI In sos muntonarzos, sos disamparados chirchende ricattu, chirchende in mesu a sa zente, in mesu a s'istrada dimandende Sa vida s'ischidat pranghende beni intonende unu dillu spunta la luna dal monte beni intonende unu dillu

Articoli correlati

  • Eppure SoffiaEppure Soffia Eppure Soffia è un brano scritto e interpretato da Pierangelo Bertoli contenuto nell'album omonimo pubblicato nel 1976. Primo lavoro in studio edito da una casa discografica, il […]
  • A Muso DuroA Muso Duro A Muso Duro è uno dei brani più importanti del repertorio del cantautore modenese Pierangelo Bertoli, pubblicato nel 1979 come title-track del suo quarto album studio. Racconta […]
  • Madre TerraMadre Terra Madre Terra è un brano scritto e inciso dai Tazenda in coppia con Francesco Renga, contenuto nell'album omonimo pubblicato nel 2008. Ottavo lavoro in studio per la band sarda, […]
  • Cuore e VentoCuore e Vento Cuore e Vento è un brano interpretato dai Moda in coppia con i Tazenda contenuta nell'album Gioia pubblicato nel 2013. Disco dedicato alla nascita della figlia di Francesco, […]
  • CarrasecareCarrasecare Carrasecare è un brano inciso dai Tazenda e contenuto nell'album eponimo pubblicato nel 1988. Disco d'esordio per la band sarda, riscuote ottimo successo aggiudicandosi 60,000 […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, chitarrista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO.
Pierangelo Bertoli