Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

La Sposa Rubata: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: REm DO LAm FA LA REm REm DO LAm FA LA REm REm DO LAm Da tre notti non riposo FA DO LA resto ad ascolta-re: REm DO FA è la vipera che soffia, DO LA REm soffia presso l'acqua DO LAm Ho composto un canto nuovo, FA DO LA vieni ad ascolta-re REm DO FA della sposa che al banchetto DO FA DO LA REm mai più ritorno fece FA DO C'era un invitato in più REm LAm che la rimirava: SIb LAm "Alla mia gente vorrei mostrare SIb DO REm il tuo abito da sposa" FA DO Lei ingenua lo segui` REm LAm cerca di tornare, SIb LAm fino a notte attesa, SIb DO REm lei non ritornò REm DO LAm Se ne andava in piena notte FA DO LA da solo un suonato-re, REm DO FA ma davanti gli si pa-rò DO FA DO LA REm il signore sconosciuto: DO LAm "Forse tu cerchi la sposa FA DO LA che andò perdu-ta, REm DO FA se hai cuore di seguirmi DO FA DO LA REm da lei ti condurrò" FA DO E una barca lo portò REm LAm lungo un'acqua scura, SIb LAm ritrovò la sposa SIb DO REm e aveva vesti d'oro FA DO "Il mio anello ti darò, REm LAm portale al mio uomo, SIb LAm qui non soffro più SIb DO REm nè male nè desiderio" REm DO LAm FA LA REm REm DO LAm Il suonatore si girò, FA DO LA fece un solo passo REm DO FA poi gridare la sentì DO FA DO LA REm nell'acqua che la soffo-cava FA DO Come luce lei brillava REm LAm quando sposa andò, SIb LAm dove mai l'avrà portata SIb DO REm il signore che la rubò REm DO LAm Da tre notti non riposo FA DO LA resto ad ascolta-re: REm DO FA è la vipera che soffia, DO LA REm soffia presso l'acqua REm DO LAm FA LA REm
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: ZAPPA LUISA
Copyright: Lyrics © LUNGOMARE SRL, MUSIZA EDIZIONI MUSICALI S.R.L., WARNER CHAPPELL MUSIC ITALIANA S.R.L.
 

La Sposa Rubata: Video

La Sposa Rubata è un brano scritto e interpretato da Angelo Branduardi, contenuto nell'album La pulce d'acqua pubblicato nel 1977. Quarto lavoro in studio per il cantautore milanese, riscuote grande successo anche fuori dai confini nazionali tanto da aggiudicarsi il disco di platino... che all’epoca contava ben un milione di copie vendute! La canzone trae ispirazione da un canto della tradizione popolare bretone, Ar plac'h dimezet gant Satan che significa "La fidanzata di Satana".

Articoli correlati

  • Vanità di VanitàVanità di Vanità REm Vai cercando qua, vai cercando là, LAm ma quando la morte ti coglierà REm LAm che ti resterà delle tue […]
  • La Pulce D’AcquaLa Pulce D’Acqua Intro: FA SIb DO FA SIb DO FA E' la pulce d'acqua che l'ombra ti rubò SIb DO e tu ora sei malato SIb DO/SIb FA REm […]
  • Cogli la Prima MelaCogli la Prima Mela Intro: MIm LAm MIm LAm MIm SI7 MIm SIm MIm SIm LAm MIm SI7 MIm MIm LAm MIm Bella che così fiera vai LAm MIm SI7 MIm non lo […]
  • Il Dono del CervoIl Dono del Cervo Intro: REm RE4 REm REm9 REm RE4 REm FA DO FA Dimmi, buon signore, LA7 REm che siedi così quieto FA DO FA la fine del tuo […]
  • Alla Fiera dell’EstAlla Fiera dell’Est MIm SOL RE SOL RE SOL SI7 MIm Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò MIm SOL RE SOL RE […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).