Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Na gita a li Castelli: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
LAm Guarda che sole REm LAm Ch'è sortito, Nannì REm LAm Che profumo de rose MI7 LAm De garofoli e panzè REm MI7 LAm Com'è tutto 'n paradiso MI7 LAm MI7 Li Castelli so' così LAm Guarda Frascati REm LAm Ch'è tutto un sorriso REm LAm 'Na delizia, 'n'amore MI7 LA 'Na bellezza da incantà
LA Lo vedi, ecco Marino MI7 La sagra c'è dell'uva Fontane che danno vino MI7/5+ LA Quant'abbondanza c'è Appresso viè Genzano DO#7 Co'r pittoresco Arbano RE6 LA Su, viette a divertì MI7 LA Nannì, Nannì
LAm LAm Là c'è l'Ariccia REm LAm Più giù c'è Castello REm LAm Ch'è davvero 'n gioiello MI7 LAm Co' quer lago da incantà REm MI7 LAm E de fragole 'n profumo MI7 LAm MI7 Solo a Nemi poi sentì LAm REm LAm Sotto quer lago un mistero ce sta REm LAm MI7 LA De Tibberio le navi so' l'antica civirtà
LA So mejo de lo sciampagna MI7 Li vini de 'ste vigne Ce fanno la cuccagna MI7/5+ LA Dar tempo de Noè Li prati a tutto spiano DO#7 So' frutte, vign'e grano RE6 LA S'annamo a mette lì MI7 LA Nannì, Nannì È sera, e già le stelle MI7 Te fanno 'n manto d'oro E le velletranelle MI7/5+ LA Se mettono a cantà Se sente 'no stornello DO#7 Risponne un ritornello RE6 LA Che coro, viè' a sentì MI7 LA Nannì, Nannì RE6 LA Che coro, viè' a sentì MI7 LA Nannì, Nannì
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Na gita a li Castelli: Video

'Na Gita a li Castelli è un brano che fa parte del repertorio popolare romanesco, scritto nel 1926 da Franco Silvestri e Ettore Petrolini. Diventata famosa fin da subito in tutta la zona attorno alla capitale, è diventata col tempo l'"Inno" dei bellissimi Castelli romani. Si sono susseguite con gli anni anche molte interpretazioni, tra le quali spicca senza dubbio quella di Lando Fiorini che la inserisce nel suo album Le più belle canzoni romane del 1986.

Articoli correlati

  • Arrivederci RomaArrivederci Roma Intro: SOLm7/9 SOLm FA SOLm T'invidio turista che arrivi, SOL7/SI DOm T'imbevi de fori e de scavi, RE7 MIb7 […]
  • La Società dei MagnaccioniLa Società dei Magnaccioni Intro: FA7 SIb SIb Fatece largo che passamo noi DO7 FA7 sti giovanotti de' sta Roma bella semo ragazzi fatti cor pennello DO7 […]
  • Roma Nun Fa’ la Stupida StaseraRoma Nun Fa’ la Stupida Stasera FA FA5+ FA Roma nun fà la stupida stasera LAm7 SOL#dim SOLm7 LAm7 RE9- damme 'na mano a faje di de si SOLm7 […]
  • Cento CampaneCento Campane REm LA7 Nun me lo di' stanotte SOLm LA7 REm a chi hai stregato er core FA/DO SIm7/5- LA7 la verità fa male SOLm LA7 REm […]
  • Quanto Sei Bella RomaQuanto Sei Bella Roma SI Quanto sei bella Roma SOL#m7 LA#m7/5- DO#m7 FA# Quanto sei bella Roma a prima sera DO#m7 FA# Er Tevere te serve DO#m7 FA# FA#5+ […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).