Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

La Zita: Accordi

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
Intro: DO SOL7 DO SOL7 Che si mangiava la zita, DO Che si mangiava la zita, SOL7 DO Che si mangiava la zita la prima sera SOL7 DO Che si mangiava la zita la prima sera SOL7 DO Nu panare de pere galante Nu panare de pere galante SOL7 DO Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze SOL7 DO Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze SOL7 DO SOL7 DO
REb LAb7 Che si mangiava la zita, REb Che si mangiava la zita, LAb7 REb Che si mangiava la zita alli tre sere LAb7 REb Che si mangiava la zita alli tre sere LAb7 REb E tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti, LAb7 REb Nu panare de pere galante Nu panare de pere galante LAb7 REb Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze LAb7 REb Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze LAb7 REb LAb7 REb
RE LA7 Che si mangiava la zita, RE Che si mangiava la zita, LA7 RE Che si mangiava la zita alli cinque sere LA7 RE Che si mangiava la zita alli cinque sere LA7 RE Cinque piatti di maccheroni, le brasciole e cannelloni, LA7 Quatte colombe che vanno volando, RE LA7 Con tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti, RE Nu panare de pere galante LA7 RE Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze LA7 RE Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze LA7 RE LA7 RE
MIb SIb7 Che si mangiava la zita, MIb Che si mangiava la zita, SIb7 MIb Che si mangiava la zita alli sette sere SIb7 MIb Che si mangiava la zita alli sette sere SIb7 MIb Sette vacche ben cresciute, con sei pecore arrustute SIb7 MIb Cinque piatti di maccheroni, le brasciole e cannelloni, SIb7 Quatte colombe che vanno volando, MIb SIb7 Con tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti, MIb Nu panare de pere galante SIb7 MIb Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze SIb7 MIb Nu panare de pere galante sempre la zita alla tavola nnanze SIb7 MIb SIb7 MIb
MI SI7 Che si mangiava la zita, MI Che si mangiava la zita, SI7 MI Che si mangiava la zita alli sedici sere SI7 MI Che si mangiava la zita alli sedici sere SI7 MI Sedici chili di salsicce se li mangia secche secche, SI7 MI Quindici chili di vermicelli guasta la festa e lu sanarielle, SI7 MI Quattordici chili di insalata m'ha lasciato senza fiato, SI7 MI Tredece chile de confette se strenge la zita e nan aspette, SI7 MI Dodici chili di albicocche si riempie quattro bocche, SI7 MI Undici chili si fichi secchi se li mangia e se li lecca, SI7 MI Dieci rotoli di cerase chi se l'abbrazze e chi se la vase, SI7 MI Nove votte de vine non le bbaste na candine, SI7 MI Otto forme di pane nun se pote sazziè SI7 MI Sette vacche ben cresciute, con sei pecore arrustute SI7 MI Cinque piatti di maccheroni, le brasciole e cannelloni, SI7 Quatte colombe che vanno volando, MI SI7 Con tre pesci che vanno nuotando e due lepri ben correnti, MI SI7 Nu panare de pere galante Nu panare de pere galante MI Nu panare de pere gala!!!
Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Credits

Autore: SANTAGATA TONI
 

La Zita: Video

La Zita è un brano scritto e interpretato da Antonio Morese, noto al pubblico italiano con lo pseudonimo Tony Santagata, pubblicato come singolo in 45 giri nel 1967. La canzone rappresenta al meglio lo stile dell'artista pugliese che per primo intuisce la valenza comica del dialetto foggiano, inserendolo così nei suoi spettacoli e nelle sue canzoni. Il testo racconta la divertente storia di una "Zita", che nel Sud Italia è sinonimo di "Fidanzata", alle prese con un'insaziabile fame.

Articoli correlati

 Tony Santagata: Vedi tutte le canzoni
Stornelli Pugliesi (Quant’È Bello lu Primm’Ammore)
Stornelli Pugliesi (Quant'È Bello lu Primm'Ammore) è un brano scritto e interpretato da Tony Santagata, alias Antonio ...

Lavora con noi

Musicista per video tutorial musicali Musicista per video tutorial musicali

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).