Luci a San Siro è una canzone del 1971, incisa con l’album Parabola che è quello di debutto di Roberto Vecchioni. E’ la reinterpretazione di Ho Perso Il Conto, un 45 giri pubblicato pochi mesi prima dal cantante barese Rossano, dove Vecchioni al testo originale sostituisce quello autobiografico in cui racconta il suo amore per Adriana, colei che fu sua vicina di casa nonchè fidanzata per quattro anni e vera musa ispiratrice.

Testo e Accordi per chitarra.

Roberto Vecchioni Luci a San Siro Accordi per Chitarra Chords Testo

RE RE4 RE Hanno ragione, hanno ragione MIm mi han detto:"E' vecchio tutto quello che lei fa, LA parli di donne da buon costume, SOL LA RE di questo han voglia se non l'ha capito già" FA#m E che gli dico:"Guardi non posso, io quando ho SI7 amato MIm ho amato dentro gli occhi suoi, SOLm RE FA#m magari anche fra le sue braccia SOL6/LA LA7 RE ma ho sempre pianto per la sua felicità RE MIm Luci a San Siro, di quella sera, che c'è di strano, siamo stati tutti là LA MIm7 LA RE ricordi il gioco, dentro la nebbia tu ti nascondi e se ti trovo ti amo là FAm SI7 MIm ma stai barando, tu stai gridando, così non vale è troppo facile così, SOLm RE FA#m trovarti e amarti, giocare il tempo, SOL6/LA LA RE SIb7 sull'erba morta e con il freddo che fa qui
MIb Ma il tempo emigra, m'han messo in mezzo, FAm non son capace più di dire un solo no SIb FAm7 SIb MIb ti vedo e a volte, ti vorrei dire ma questa gente intorno a noi che cosa fa? SOLm DO7 FAm Fa la mia vita, fa la tua vita, tanto doveva prima o poi finire lì LAbm MIb LAb6/SIb SIb MIb SI7 ridevi e forse, avevi un fiore, non ti ho capita, non mi hai capito mai
MI FA#m Scrivi Vecchioni, scrivi canzoni che più ne scrivi e più sei bravo e fai danè SI FA#m7 tanto che importa, a chi le ascolta, se lei c'è stata SI7 MI o non c'è stata e lei chi è? SOLm DO#7 FA#m Fatti pagare, fatti valere, più abbassi il capo e più ti dicono di sì LAm MI LA6/SI SI7 MI DO7 e se hai le mani sporche, che importa, tienile chiuse, nessuno lo saprà
FA SOLm Milano mia, portami via, fa tanto freddo, schifo, non ne posso più DO7 SOLm7 DO7 FA facciamo un cambio, prenditi pure, quel po' di soldi quel po' di celebrità LAm ma dammi indietro, la mia "Seicento", RE7 SOLm i miei vent'anni e una ragazza che tu sai SIbm FA DO7 FA Milano scusa, stavo scherzando, luci a San Siro non ne accenderanno più

Articoli correlati

  • StranamoreStranamore Stranamore è un pezzo del 1978, inciso da Roberto Vecchioni come prima traccia dell'album Calabuig, Stranamore e altri incidenti; da lì fu estratto come singolo e pubblicato su […]
  • Figlio Figlio FiglioFiglio Figlio Figlio Roberto Vecchioni Figlio Figlio Figlio Accordi Testo Intro: LA LA LA4 LA MI MI MI7 LA LA LA4 LA Figlio chi t'insegnerà le stelle MI […]
  • VorreiVorrei Vorrei è un brano scritto e interpretato da Roberto Vecchioni contenuto nell'album Robinson, come salvarsi la vita pubblicato nel 1979. Decimo lavoro in studio per il cantautore […]
  • Le Lettere d’AmoreLe Lettere d’Amore Le Lettere d'Amore è un brano scritto e interpretato da Roberto Vecchioni contenuto nell'album Il cielo capovolto pubblicato nel 1995 dalla casa discofrafica EMI. Disco che […]
  • Piccolo AmorePiccolo Amore Piccolo Amore è un brano scritto e interpretato da Roberto Vecchioni, contenuto nell'album Bei tempi pubblicato nel 1985. Quattordicesimo lavoro in studio per il cantautore […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, chitarrista, ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Fondatore di Accordiespartiti.it, operatore di marketing online e SEO.
Roberto Vecchioni