Come abbiamo già visto, la chiave di violino è un segno convenzionale per dare il nome alle note sul pentagramma. Essa viene utilizzata per spartiti che fanno largo uso delle frequenze più acute, cioè per le note più alte: solitamente dal Do centrale in su.
Il simbolo grafico consiste nella rielaborazione della lettera G (“G” è il sol nella notazione anglosassone) e difatti serve per indicare che il sol è la nota dove essa poggia il suo “ricciolo”: sul secondo rigo. Le altre note si posizionano di conseguenza.

La chiave di violino gode di un ampio uso: tra gli strumenti che presentano gli spartiti in questa chiave vi sono violino, flauto, oboe tutti i clarinetti, tutti i sassofoni, chitarra, mandolino, tromba, corno francese e inglese, cornamusa, xilofono.
In altri strumenti quali il pianoforte e l’arpa (sono quelli con la maggiore estensione sonora) viene utilizzata assieme a quella di basso, con un doppio pentagramma.
Ve ne sono alcuni che invece ne fanno un uso occasionale, riservato cioè alle note molto alte rispetto alla propria estensione sonora: viola, violoncello, contrabbasso, fagotto, trombone.
Infine le voci umane che leggono la propria parte in chiave di violino sono soprano, mezzo soprano, contralto e tenore.

 

Player Audio

Articoli correlati

Articoli correlati

  • Le alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, BequadroLe alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, Bequadro Si chiamano alterazioni (oppure, in gergo informale, "accidenti") quei simboli che, posti sul pentagramma, modificano l'esecuzione delle note su cui influiscono aumentandole o […]
  • Gli intervalli musicali: Tono, Semitono e definizione della Scala CromaticaGli intervalli musicali: Tono, Semitono e definizione della Scala Cromatica Per intervallo musicale si intende la differenza di frequenza sonora tra due note, ovvero tutte le altre note che intercorrono tra le due. Prende il nome di semitono l'unità di […]
  • Tempi Semplici e Tempi CompostiTempi Semplici e Tempi Composti Abbiamo visto che la frazione posta all'inizio del pentagramma prende il nome di tempo e che indica il valore complessivo di cui si compone ogni battuta. Tali tempi si […]
  • La Legatura di ValoreLa Legatura di Valore Come indicare una nota che si estende a cavallo di due battute? E' per questa esigenza che è nata la legatura di valore: essa consiste in un ponte (o un arco se preferite) che […]
  • La Battuta e i Tempi MusicaliLa Battuta e i Tempi Musicali Per questioni di tempo (musicale) e di leggibilità, le note in un pentagramma vengono raggruppate in successioni. Ciascuna di esse si chiama misura o battuta musicale ed è […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).