La pausa in musica rappresenta il contrario della nota, ovvero il non-suono.
Il concetto di valore musicale, cioè di durata delle note, è applicabile anche ai silenzi e a quanto in termini di tempo essi debbano durare. Esistono 7 simboli particolari adibiti a questa funzione che, dal più lungo al più breve, valgono ciascuno il doppio del suo successore.

 

Player Audio

Articoli correlati

Articoli correlati

  • Le alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, BequadroLe alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, Bequadro Si chiamano alterazioni (oppure, in gergo informale, "accidenti") quei simboli che, posti sul pentagramma, modificano l'esecuzione delle note su cui influiscono aumentandole o […]
  • Gli intervalli musicali: Tono, Semitono e definizione della Scala CromaticaGli intervalli musicali: Tono, Semitono e definizione della Scala Cromatica Per intervallo musicale si intende la differenza di frequenza sonora tra due note, ovvero tutte le altre note che intercorrono tra le due. Prende il nome di semitono l'unità di […]
  • Tempi Semplici e Tempi CompostiTempi Semplici e Tempi Composti Abbiamo visto che la frazione posta all'inizio del pentagramma prende il nome di tempo e che indica il valore complessivo di cui si compone ogni battuta. Tali tempi si […]
  • La Legatura di ValoreLa Legatura di Valore Come indicare una nota che si estende a cavallo di due battute? E' per questa esigenza che è nata la legatura di valore: essa consiste in un ponte (o un arco se preferite) che […]
  • La Battuta e i Tempi MusicaliLa Battuta e i Tempi Musicali Per questioni di tempo (musicale) e di leggibilità, le note in un pentagramma vengono raggruppate in successioni. Ciascuna di esse si chiama misura o battuta musicale ed è […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).