Consideriamo la seguente domanda: “Se le note che taluni strumenti sono in grado di eseguire (vedi ad esempio il pianoforte) sono così tante, come le si può rappresentare tutte con solo il pentagramma?”
Risposta: il pentagramma da solo non basta, occorre un espediente che consenta di abbracciare un’estensione musicale/sonora molto più ampia di quella rappresentabile entro i suoi 5 righi.

Tale espediente si chiama chiave musicale: essa serve a cambiare la nomenclatura delle note del pentagramma su cui è apposta.

In altre parole la stessa nota posta sullo stesso rigo nel pentagramma avrà il nome in base alla chiave riportata all’inizio di quello stesso pentagramma.

 

Player Audio

Articoli correlati

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).