Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Silent Night (in italiano Astro Del Ciel) è un canto tradizionale natalizio con valore anche religioso, composto nel 1818 dal musicista austriaco Franz Gruber su un testo del parroco Josef Mohr, il quale stava cercando di redigere un repertorio musicale natalizio: Gruber scrisse la melodia il giorno della vigilia di Natale in vista della messa del giorno successivo.
Originariamente fu scritto per chitarra a causa di un guasto all’organo della chiesa di Oberndorf, ma col tempo è stato arrangiato per tantissimi strumenti (anche trascritti dello stesso autore) ed oggi è anche tradotto in 44 lingue.

Astro Del Ciel Silent Night Spartito per Pianoforte Piano Music Sheet

Download

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
 

Silent Night (Astro Del Ciel): Video

Articoli correlati

Canti Popolari: Vedi tutti i brani
We Wish You A Merry Christmas

We Wish You A Merry Christmas è un popolare canto natalizio originario dell’Inghilterra dell’ovest, risalente al sedicesimo secolo. Questo canto nacque con i “Christmas carolers”, […]

Lambada

La Lambada è una famosa aria musicale, ma anche danza in coppia a tutti gli effetti, originaria del Sud America e che, intorno agli anni […]

La Marsigliese (Inno Nazionale Francese)

Il titolo originale dell’inno nazionale della Francia è “Chant de guerre pour l’Armée du Rhin”, che tradotto significa Canto di guerra per l’Armata del (fiume) […]

Jingle Bells
Jingle Bells è un classico natalizio composto dall'americano James Pierpont nel 1857 col titolo originale di "One Horse...
O’ Sole Mio

Un brano che non avrebbe davvero bisogno di alcuna presentazione: O Sole Mio veniva composta nel 1898 dal napoletano Eduardo di Capua su testo scritto […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
35 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).