Oggi voglio parlarvi di un amplificatore per basso davvero interessante anche se poco conosciuto (almeno in Italia). Si tratta di una testata della Acoustic, una casa americana nota fin dalla fine degli anni ’60, e da sempre dedita alla produzione di amplificatori solid state. Non stupitevi se non la avete mai sentita nominare, perché purtroppo esistono molte grandi case che, per un motivo od un altro, rimangono nell’ombra (specialmente qui in Italia). Vi basti sapere che un bassista del calibro di John Paul Jones era solito utilizzare questi amplificatori nelle sue tournee coi Led Zeppelin. Il modello di cui vi parlerò è il B600H.

Ho scelto di presentarvi questo amplificatore perché è il più completo tra quelli prodotti dalla casa. Si tratta, come già detto, di una testata solid state; possiede una potenza massima di 600W a 2 Ohm e ciò significa che vi permette di collegarla a numerosi cabinet. Funziona ovviamente anche a 4 (450W) e a 8 Ohm. Ha due ingressi, uno per gli strumenti attivi e uno per quelli passivi; nella sezione di preamplificazione troverete i controlli di gain e volume, con i quali potrete regolare guadagno e saturazione; inoltre, l’ampli è stato corredato di un equalizzatore parametrico a 6 bande, molto efficace, col quale potrete scolpire il vostro sound: agirete direttamente sulle frequenze più importanti dello strumento quali, 40, 120, 350, 800, 2000 e 5000 Hz.

Se questi 6 controlli non bastassero, ne troverete un altro davvero interessante col quale dar forma al vostro basso, il Frequency Notch Filter: attivabile tramite uno switch, ruotando il potenziometro di questa funzione, sceglierete a quale frequenza, tra 50 Hz e 1 KHz, applicare un taglio di 10 dB. Sempre nel pannello anteriore, troverete l’interruttore Mute per mettere in muto la testata, azionabile anche tramite footswitch, molto utile quando si deve accordare sul palco. Già fin qui, mi pare che le opportunità proposte da questo amplificatore siano davvero elevate, quasi uniche direi. Ma le sorprese non sono finite.

Passando al pannello posteriore della B600H, troviamo anche qui una serie di caratteristiche davvero interessanti. Tanto per iniziare, le possibilità di connessione ai cabinet: due connettori jack da 1/4″ e un connettore speakon. Più a destra troverete invece l’uscita DI XLR con volume dedicato, interruttori Pre/Post Eq e Ground Lift. Immediatamente sotto, sono stati posti la sezione Fx Send/Return, con controllo Dry/Wet per la miscelazione del segnale, e le connessioni Tuner Out e Footswitch. Una dotazione davvero eccezionale, considerato le limitate funzionalità che a volte accompagnano amplificatori molto più blasonati e costosi!

Altro grande punto a favore di questo ampli (e di tutti gli altri prodotti della casa in genere) è il prezzo: meno di 500 €. Unico problema, la reperibilità dell’oggetto. Mi spiego meglio: il B600H si trova abbastanza facilmente in commercio, ma per comprarlo si deve ricorrere ad internet, perché pare che in Italia nessuno si sia interessato né a questo bellissimo amplificatore, tantomeno alla Acoustic come casa (almeno negli ultimi anni, dato che di ampli vintage si trovano pure qui). È davvero un peccato, data la discreta qualità dei prodotti Acoustic, soprattutto considerando che per farsi questa testata più una cassa 8 x 10″ in America bastano appena 1050$ !!!

Chiunque fosse interessato a questo ampli può sempre acquistarselo su internet (si trova facilmente), e considerando anche il fatto che si tratta di una testata solid state, si rischia davvero poco a farsela spedire. L’unico problema potrebbe essere che, data la mancanza di importazione, l’alimentatore dell’ampli è tipicamente americana: 120V/60Hz. Si tratta in ogni caso di un problema minimale, risolvibile con un buon adattatore posto prima della linea, problema che si risolve con poco più di un centinaio di euro.

Qualcuno forse si chiederà perché ho voluto parlare di un prodotto che manca di importatore. Semplice, per dovere di cronaca: mi sembra giusto far conoscere un oggetto valido come questo, soprattutto considerando il suo prezzo davvero contenuto; inoltre, perché mi auguro che, prima o poi, qualcuno si degni di importarlo, assieme a tutti gli altri prodotti Acoustic cosa che, senza informazione, è ovvio non sia attuabile! Spero quindi di aver incuriosito un po’ di persone e di avervi fatto conoscere un prodotto interessante e dalle grandi possibilità.

Per maggiori informazioni consultare la pagina web.

Cercasi Programmatore Javascript

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • VGS Eruption Pro Series: economica, bella e di qualitàVGS Eruption Pro Series: economica, bella e di qualità Oggi vi parlerò di una chitarra di un marchio ancora non molto noto in Italia, la VGS, una casa in teoria tedesca, ma che nasce dalla collaborazione di un team internazionale […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.