Floyd Rose blog 2

Una delle invenzioni di maggior successo in campo musicale è sicuramente il ponte a tremolo Floyd Rose Original; potevamo forse esimerci dal parlarne? Certo che no! È proprio per questo motivo che oggi spenderemo due parole su quest’oggetto che ha cambiato la vita di numerosi chitarristi.

Beh, forse qualcuno mi riterrà un po’ esagerato, ma provate a chiedere a musicisti come Eddie Van Hallen, Kirk Hammett, Dimebag Darrell, Steve Vai e Joe Satriani (solo per citarne alcuni) se sarebbe possibile usare la leva come fanno loro senza il prezioso supporto del Floyd Rose; credo che la risposta sarebbe unanime: NO.

La chitarra si scorderebbe dopo pochi colpi di leva e il musicista sarebbe costretto ad accordare di canzone in canzone. Ecco che cosa accadrebbe senza il sistema a doppio bloccaggio inventato dal signor Rose, per non parlare poi della scarsa risposta dei classici ponti a tremolo standard!

È proprio pensando ad un modo per risolvere questo problema che fin dal lontano 1964 Floyd Rose iniziò a cercare un modo per non far allentare la tensione delle corde della sua Strato, anche dopo un utilizzo massiccio del tremolo. Chitarrista egli stesso, infatti, sperimentò di persona il problema e giunse infine alla soluzione di dover bloccare le corde per evitare che si allentassero.

Floyd Rose blog

È passato molto tempo da quando per ovviare al fastidioso problema utilizzò per la prima volta delle viti da legno e da quando produceva i primi esemplari in maniera pressoché artigianale; molti progressi sono stati fatti da allora, come l’aggiunta delle viti dietro le sellete per poter accordare lo strumento anche dopo aver bloccato le corde.

Dai primi anni ’80, quando Kramer si accorse delle potenzialità dell’invenzione e pensò bene di produrla in larga scala, ed un suo endorser (Eddie Van Hallen in persona!) decise di farla sua senza pensarci due volte, il ponte a tremolo Floyd Rose è diventato un must per ogni chitarrista virtuoso che si rispetti, specialmente se metallaro.

Se anche voi siete in cerca di un sistema di alta qualità per non perdere l’accordatura e che vi permetta inoltre di far ruggire o urlare la vostra chitarra a piacimento, allora il Floyd Rose Original è proprio ciò che fa al caso vostro.

P.S: diffidate delle imitazioni! se non vedete “Made in Germany” scritto sulla parte inferiore del ponte lasciate perdere; si tratta di copie di bassa qualità (a parte in alcuni esemplari dei primi anni ’80 che non lo riportano scritto da nessuna parte).

Il prezzo è di circa 250 € a negozio, ma sulla rete si trova anche a molto meno.

Per maggiori informazioni consultare il sito internet.

Articoli correlati

  • Floyd Rose Original: video dimostrazioniFloyd Rose Original: video dimostrazioni Ecco qua un paio di video sul Floyd Rose Original. Il primo vi illustrerà le principali caratteristiche dell'oggetto; lo potrete inoltre vedere messo a confronto con tremoli […]
  • LTD EX-401 DX: videoLTD EX-401 DX: video Ecco qua alcuni filmati a supporto dell'articolo sulla EX-401 DX di LTD. Purtroppo nessuno dei ragazzi che suona in questi video utilizza la leva, quindi non è possibile farsi […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2006Un Disco Italiano All’Anno: 2006 Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi L'eclettico cantautore di origini campane riesce sempre a sorprendere il proprio pubblico. Non possiamo infatti rinchiudere la sua […]
  • Un Disco Italiano all’Anno: 2007Un Disco Italiano all’Anno: 2007 A Toys Orchestra - Technicolor Dreams E' il 2007 quando, finalmente, un'indie-pop di pregiata fattura si affaccia finalmente nel nostro bel paese. Gli A Toys Orchestra ci […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.