Fender Jazz Bass American Standard

Uno dei bassi più apprezzati dai musicisti e ricercati dai collezionisti è il Fender Jazz Bass. Introdotto negli anni ’60 come modello di punta della casa americana, è giunto fino ai nostri giorni conservando intatto il suo appeal. Il modello di cui ho scelto di parlarvi è il Jazz Bass American Standard.

In questa nuova veste, rispetto alla versione vintage, presenta alcune piccole differenze: il basso è stato infatti aggiornato e rivisto di modo da essere al passo coi tempi. Presenta innanzitutto un ponte più solido, grazie al quale guadagna in sustain; le meccaniche, poi, sono state alleggerite e così anche lo strato di vernice, di modo da far trasparire meglio la colorazione e migliorare la risonanza.

Anche la finitura del manico è differente: è più ricca ed elegante, satinata sul retro per una migliore suonabilità e lucida nella tastiera (in acero o palissandro). Tutto ciò che invece riguarda disegno del body, hardware, elettronica, ma soprattutto sound è lo stesso di sempre. La classica forma asimmetrica del corpo, il manico sottile e veloce, il sound corposo e versatile; tutto questo è rimasto inalterato.

Caratteristiche tecniche:

  • corpo: ontano
  • manico: acero rinforzato, forma C moderna
  • tastiera: acero o palissandro
  • n° tasti: 20
  • pickup: 2 single coil American Standard Jazz Bass
  • controlli: volume 1, volume 2, tono
  • ponte: High Mass Vintage (Strings-Thru-Body o montaggio classico)
  • meccaniche: Fender/Hipshot Vintage
  • accessori: case rettangolare Fender/SBK, cavo, cinghia, panno per pulizia strumento

Il Jazz Bass American Standard è disponibile in varie versioni e colorazioni: normale, fretless, mancino e a 5 corde. Per le colorazioni vi consiglio caldamente di consultare il sito internet, dato che sono un po’ troppe per riportarle tutte.

Il prezzo di questo basso varia a seconda del modello, in ogni caso parte dai 1200 – 1300 € per la versione standard 4 corde, per poi salire nel caso lo si scelga mancino, 5 corde o fretless.

Per maggiori informazioni consultare la pagina web.

Articoli correlati

  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Dimarzio Model P: tanto suono e pochi euroDimarzio Model P: tanto suono e pochi euro Ciò di cui vi parlerò oggi, è un bellissimo pickup per basso. Si tratta di uno split-coil, in stile Precision (e in effetti nasce per rimpiazzarne il pickup originale), il […]
  • Un Disco All’Anno: 2002Un Disco All’Anno: 2002 Interpol - Turn On The Bright Lights Sempre da New York (casa madre degli Strokes) arriva un altro terremoto nel mondo della musica indipendente. In questo caso non si […]
  • Tony Franklin Precision Bass: un ibrido super versatile parte 1Tony Franklin Precision Bass: un ibrido super versatile parte 1 Un basso che recentemente ho avuto modo di testare è il Tony Franklin Precision Bass, nella versione fretted (dotata di tasti). Anche se è risaputo che questo grande bassista […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alessio Falsini 30 anni; laureato in lingue, suona il basso e la chitarra elettrica dall'età di 16, autodidatta, e a tempo perso si dedica all'apprendimento del banjo. Tecnico del suono oltre che musicista, studia e sperimenta tecniche di registrazione ed amplificazione.