Come abbiamo già visto, la chiave di violino è un segno convenzionale per dare il nome alle note sul pentagramma. Essa viene utilizzata per spartiti che fanno largo uso delle frequenze più acute, cioè per le note più alte: solitamente dal Do centrale in su.
Il simbolo grafico consiste nella rielaborazione della lettera G (“G” è il sol nella notazione anglosassone) e difatti serve per indicare che il sol è la nota dove essa poggia il suo “ricciolo”: sul secondo rigo. Le altre note si posizionano di conseguenza.

La chiave di violino gode di un ampio uso: tra gli strumenti che presentano gli spartiti in questa chiave vi sono violino, flauto, oboe tutti i clarinetti, tutti i sassofoni, chitarra, mandolino, tromba, corno francese e inglese, cornamusa, xilofono.
In altri strumenti quali il pianoforte e l’arpa (sono quelli con la maggiore estensione sonora) viene utilizzata assieme a quella di basso, con un doppio pentagramma.
Ve ne sono alcuni che invece ne fanno un uso occasionale, riservato cioè alle note molto alte rispetto alla propria estensione sonora: viola, violoncello, contrabbasso, fagotto, trombone.
Infine le voci umane che leggono la propria parte in chiave di violino sono soprano, mezzo soprano, contralto e tenore.

Articoli correlati

  • Le alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, BequadroLe alterazioni musicali: Diesis, Bemolle, Bequadro Si chiamano alterazioni (oppure, in gergo informale, "accidenti") quei simboli che, posti sul pentagramma, modificano l'esecuzione delle note su cui influiscono aumentandole o […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2004Un Disco Italiano All’Anno: 2004 Verdena - Il Suicidio Dei Samurai I Verdena mostrano, alla prova del terzo disco, di saper suonare un sano e crudo rock italiano. Malinconia e rabbia agitano la verve […]
  • Un Disco All’Anno: 2005Un Disco All’Anno: 2005 Bloc Party - Silent Alarm I Bloc Party esordiscono con un album interessante, e cioè quel Silent Alarm che verrà riconosciuto come “figliol prodigo” del revival anni 80, con […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Markbass F1: leggero e potente come una fuoriserieMarkbass F1: leggero e potente come una fuoriserie Oggi voglio parlarvi di un amplificatore per basso italianissimo, l'F1 della Markbass. Si tratta di una testata che, grazie a caratteristiche tecniche formidabili, dimensioni […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Fondatore di Accordiespartiti.it, operatore di marketing online e SEO.