Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

La Sedia di Lillà: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: LA RE MI DO#m LA RE MI LA RE MI DO#m FA#m RE MI LA LA4 LA RE MI LA Stava immobile nel letto con le gambe inesistenti RE MI LA e una piaga sulla bocca che seccava il suo sorriso RE MI LA mi parlava rassegnato con la lingua di chi spera RE MI LA di chi sa che è prenotato sulla Sedia di lillà RE MI DO#m FA#m RE MI LA RE MI LA Ogni volta che rideva si stracciavano le labbra LA4 LA RE MI LA e il sapore che ne usciva era di stagione amara RE MI LA le sue rughe di cemento lo solcavano di rosso RE MI LA prontamente diluito da una goccia molto chiara RE MI DO#m FA#m RE MI LA RE MI DO#m FA#m RE MI LA LA4 LA RE MI LA penso troppo al mio futuro ripeteva delirando RE MI LA penso troppo al mio futuro, penso troppo e vivo male RE MI LA penso che fra pii di un anno cambieranno i miei progetti RE MI LA penso che fra più di un anno avrò nuove verità RE MI DO#m tu non farmi questo errore vivi sempre nel momento FA#m RE MI LA cogli il giorno e tanto amore cogli i fiori di lillà RE MI DO#m FA#m RE MI LA LA4 LA RE MI LA Quanti amici hanno tradito continuava innervosito LA4 LA RE MI LA quanti amici hanno tradito per la causa dell'Amore RE MI LA sono andato a casa sua sono andato con i fiori RE MI LA mi hanno detto che era uscito che era andato a passeggiare RE MI DO#m ma vedevo un'ombra appesa la vedevo dondolare FA#m RE MI LA l'ombra non voleva stare sulla sedia di lillà RE MI DO#m FA#m RE MI LA LA LA/SOL# SIm MI LA MI/SOL# FA#m SIm MI LA MI/SOL# FA#m SIm MI LA MI/SOL# FA#m SIm RE MI LA
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: FORTIS ALBERTO
Copyright: Lyrics © WARNER CHAPPELL MUSIC ITALIANA S.R.L.
 

La Sedia di Lillà: Video

La Sedia di Lillà è un brano scritto e interpretato da Alberto Fortis, contenuto nell'album eponimo pubblicato nel 1979. Disco d'esordio per il cantautore di Domodossola, è considerato uno dei dischi più belli della musica leggera italiana grazie anche ai contributi di musicisti come la PFM e agli arrangiamenti di Claudio Fabi. La canzone chiude il lato A e racconta la storia di suo zio, rimasto sulla sedia a rotelle a causa di un incidente domestico; uno dei suoi pezzi più belli.

Articoli correlati

  • Il Duomo di NotteIl Duomo di Notte Intro: LAm9 REm7 SOL DO7+ FA7+ MIm7 FA7+ MIm7 FA7+ MIm7 FA7+ SOL SOL4 SOL LAm9 Piroette di sabbia e le guglie del […]
  • SettembreSettembre Intro: DO FA/DO DO DO MIm7 FA DO/SOL Ahi settembre mi dirai DO MIm7 FA DO Quanti amori porterai LAm MIm FA […]
  • A Voi RomaniA Voi Romani Intro: RE SOL6/RE RE SOL6/RE RE SOL6/RE RE SOL6/RE RE SOL RE E vi odio voi romani, io vi odio tutti quanti, SOL […]
  • Milano E VincenzoMilano E Vincenzo Intro: SOL RE MIm SOL/SI DO SOL/SI RE DO SI7 MIm RE SOL RE MIm SOL/SI Milano sono tutto tuo DO SOL/SI […]
  • Teresa Non SparareTeresa Non Sparare Intro: MIb SIb7 MIb SOL7 DOm SIb7 MIb DO9 FA9 SIb7 MIb DO7 FA9 SIb7 MIb SIb7 Il Messaggero, l’Unità, La Stampa, il Corriere della […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).