Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Nostra Signora dell’Ipocrisia: Accordi

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
Intro: LA SIm7 LAadd9/DO# LA RE7+ MI7/4 MI7 LA DO#m7 RE7+ LAadd9/DO# FA#m MI/SOL# LA
LAm LAm Alla fine della baldoria MI/SOL# c'era nell'aria un silenzio strano, LAm Qualcuno ragliava con meno boria MI/SOL# e qualcun altro grugniva piano DO alle sfilate degli stilisti SOL/SI si trasgrediva con meno allegria LAm ed in quei visi sazi e stravisti MI/SOL# pulsava un'ombra di malattia DO Un artigiano di scoop forzati SOL/SI scrisse che Weimar già si scorgeva LAm e fra biscotti sponsorizzati MI/SOL# videro un anchorman che piangeva FA E poi la nebbia discese a banchi DO/MI ed il barometro segnò tempesta, REm ci risvegliammo più vecchi e stanchi, MI7/4 MI7 amaro in bocca, cerchio alla testa LAm Il mercoledì delle Ceneri MI/SOL# ci confessarono bene o male LAm che la festa era ormai finita, MI/SOL# ormai lontano il carnevale DO e proclamarono penitenza SOL/SI e in giro andarono col cilicio LAm ruttando austeri: "Ci vuol pazienza! MI/SOL# Siempre adelante ma con juicio!" DO E fecero voti con faccia scaltra SOL/SI a Nostra Signora dell'Ipocrisia LAm perché una mano lavasse l'altra, MI/SOL# tutti colpevoli e così sia, FA e minacciosi ed un po' pregando DO/MI incenso sparsero al loro Dio REm sempre accusando, sempre cercando MI7/4 MI7 il responsabile, non certo io
LA RE MI FA#m MI/SOL# LA DO#m RE LA FA#m MI/SOL# LA
LAm LAm La domenica di Mezza Quaresima MI/SOL# fu processione di etére di Stato, LAm dai puttanieri a diversi pollici, MI/SOL# dai furbi del chi ha dato ha dato DO ed echeggiarono tutte le sere SOL/SI come rintocchi schioccanti a morto, LAm amen, mea culpa e miserere MI/SOL# ma neanche un cane che sia risorto DO E i cavalieri di tigri a ore SOL/SI e i trombettieri senza ritegno LAm inamidarono un nuovo pudore, MI/SOL# misero a lucido un nuovo sdegno FA si andò alle prime con casto lusso DO/MI e i quiz pagarono buoni milioni REm e in pubblico si linciò il riflusso MI7/4 MI7 per farci ridiventare buoni
LA SIm7 LAadd9/DO# LA RE7+ MI7/4 MI7 LA DO#m7 RE7+ LAadd9/DO# LA FA#m MI/SOL# LA MI/SOL# RE/FA# LA/MI RE LA/DO# SI7/4 MI LA SIm7 LAadd9/DO# LA FA#m MI
LAm LAm Così domenica dopo domenica MI/SOL# fu una stagione davvero cupa, LAm quel lungo mese della quaresima MI/SOL# rise la iena, ululò la lupa, DO stelle comete ed altri prodigi SOL/SI facilitarono le conversioni, LAm mulini bianchi tornaron grigi, MI/SOL# candidi agnelli certi ex-leoni DO Soltanto i pochi che si incazzarono SOL/SI dissero che era l'usato passo LAm fatto dai soliti che ci marciavano MI/SOL# per poi rimetterlo sempre là in basso FA Poi tutto tacque, vinse ragione, DO/MI si placò il cielo, si posò il mare, REm solo qualcuno in resurrezione, MI4 MI piano, in silenzio,
LA RE MI FA#m MI LA tornò a pensare... DO#m RE LA FA#m MI LA
Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Credits

Autore: GUCCINI FRANCESCO
Copyright: © BMG RIGHTS MANAGEMENT (ITALY) S.R.L., EMI MUSIC PUBLISHING ITALIA SRL
 

Nostra Signora dell’Ipocrisia: Video

Nostra Signora dell'Ipocrisia è un brano scritto e interpretato da Francesco Guccini, contenuto nell'album Parnassius Guccinii pubblicato nel 1993. Sedicesimo lavoro in studio per il cantautore modenese, è un disco che riscuote ottimi consensi dalla critica specializzata tanto da aggiudicarsi il prestigioso Premio Tenco. La canzone è la quinta traccia dell'album e nasce dagli eventi di Tangentopoli, analizzando la politica italiana ormai pregna di corruzione e malaffare.

Articoli correlati

 Francesco Guccini: Vedi tutte le canzoni
La Locomotiva
La Locomotiva è uno dei brani più celebri di Francesco Guccini, immancabile ai suoi concerti e sempre eseguita come ul...
Vorrei
Vorrei è un brano scritto e interpretato da Francesco Guccini contenuto nell'album D'amore di morte e di altre sciocche...
Eskimo
Eskimo è un brano scritto e interpretato da Francesco Guccini, contenuto nell'album Amerigo pubblicato nel 1978. Disco ...
Dio è Morto

Ho visto… RE la gente della mia età andare via; SIm lungo le strade che non portano mai a niente SOL cercare il sogno che […]

Auschwitz
Auschwitz è una canzone scritta e incisa da Francesco Guccini nel 1967 e contenuta nell'album Folk beat n. 1. È una de...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).