Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Il Peto nel Regno di Napoli: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
LAm Cu’sta canzone ve voglio cuntare ‘nu fattariello nu’poco volgare e si v’assettate ‘ncoppo ‘a ‘na seggia ve cunto “la storia della scorreggia” ‘e tutt’i re napulitane che ‘hanna rignate dai tiempe luntane e si licenza me ‘so pigliate nun me’ chiammate scrianzato! REm LAm MI7 LAm REm LAm MI7 LAm LAm Si racconta che re Ruggero, SIm7/5- MI7 LAm primo re normanno vero, SOL7 DO dava sfogo al deretano MI7 LAm nel castello capuano LA7 REm Scorreggiava tutte le ore SOL7 DO re Tancredi, il successore, SIb MI7 mentre invece re Guglielmo LAm ‘e faceva a castiel Sant’Elmo Federico II di Svevia SIm7/5- MI7 LAm al suo peto diede gloria SOL7 DO trattò bene la materia MI7 LAm con la “legge cacatoria” LA7 REm la scoreggia se pur goffa SOL7 DO si distingue dalla loffa SIb LAm MI7 e la loffa vien tradotta LAm SIm7/5- MI7 LAm comme ‘nu pireto senza botta! LAm SIm7/5- MI7 LAm LAm Ogni principe reale SIm7/5- MI7 LAm introduce un proprio stile SIm7/5- MI7 LAm per esempio re Corrado le faceva un po’ inclinato LA7 REm scoreggiava re Manfredi SOL7 DO sollevandosi sui piedi SIb LAm MI7 mentre invece Carlo d’Angiò LAm ‘e faceva ‘ncoppo ‘u cummò! Carlo II, detto lo zoppo, SIm7/5- MI7 LAm scoreggiava solo al galoppo SOL7 DO mentre invece re Roberto SIm7/5- MI7 LAm le faceva a culo aperto LA7 REm Ma la storia non ci inganna SOL7 DO sotto il regno di Giovanna SIb LAm MI7 e ci dice che la regina REm LAm MI7 LAm faceva ‘e pireti a primma matina! REm LAm MI7 LAm LAm Con l’avvento dei Durazzo SIm7/5- MI7 LAm la scoreggia cambia mazzo, SOL7 DO si profuma di cacao MI7 LAm con il regno di Ladislao LA7 REm Torna al trono la Giovanna SOL7 DO e l’odore sa di panna SIb LAm MI7 e con Renato di Lorena LAm nascett’o pireto all’amarena Con l’avvento degli Aragona SIm7/5- MI7 LAm la scoreggia va in poltrona SOL7 DO perché i peti aragonesi MI7 LAm sono piriti più cortesi LA7 REm e la corte prediletta SOL7 DO preferisce un’etichetta SIb LAm MI7 e per farne poco abuso, i nobili, LAm SIm7/5- MI7 LAm s’appilavano ‘o pertuso LAm SIm7/5- MI7 LAm LAm Carlo d’Austria detto il bello SIm7/5- MI7 LAm scoreggiava con l’ombrello SOL7 DO mentre invece re Filippo MI7 DO le faceva con l’inghippo LA7 REm disse al popolo in sommossa: SOL7 DO “Per il peto c’è la tassa!” SIb LAm MI7 Ed il re perse il cappello.. LAm SIm7/5- MI7 LAm cu’nu pireto ‘e Masaniello!
DO#m7/5- FA#7 SIm FA#7 SIm SIm Dopo anni di viceregno DO#m7/5- FA#7 SIm la scoreggia lascia il segno LA7 RE ma poi arriva Carlo III FA#7 SIm e diventa un vero scherzo SI7 MIm si scoreggia all’aria aperta LA7 RE nella reggia di Caserta DO SIm FA#7 con il duca e col visconte SIm dint’a reggia ‘e Capemonte! Sale al trono re Nasone: DO#m7/5- FA#7 SIm Ferdinando di Borbone, LA7 RE e la storia ci propone FA#7 SIm il perché del soprannome SI7 MIm si racconta che la moglie LA7 RE scoreggiava per le doglie DO SIm FA#7 ed il re in sedutastante SIm l’addurava tutte quante! MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm SIm Ma poi il regno va mutando DO#m7/5- FA#7 SIm per il povero Ferdinando LA7 RE la scoreggia si fa porca, FA#7 SIm viva festa, farina e forca SI7 MIm Da una parte i sanfedisti LA7 RE danno voce ai culi tristi DO SIm FA#7 e dall’altra i giacobini SIm facevano i pireti fini fini Passa a Napoli la coorte del francese Bonaparte che se pur scoreggia forte, la repubblica non ha sorte SI7 MIm C’è Murat, suo cognato, LA7 RE ma Giacchino è fucilato DO SIm FA#7 viva la costituzione: MIm SIm FA#7 SIm popolo, vulimmo o pireto ‘do borbone! MIm SIm FA#7 SIm SIm Si ritorna al peto fresco DO#m7/5- FA#7 SIm del borbone re Francesco, LA7 RE Ferdinando, detto bomba, FA#7 SIm che scoreggia a suon di tromba, SI7 MIm ci riprova Francischiello, LA7 RE che scoreggia a cufaniello DO SIm FA#7 ma per Napoli è già tardi: arriva ‘o pireto ‘e Garibaldi MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm MIm SIm FA#7 SIm
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: SALVATORE FEDERICO
Copyright: Lyrics © SUGARMUSIC S.P.A.
 

Il Peto nel Regno di Napoli: Video

Il Peto nel Regno di Napoli è un brano scritto e interpretato da Federico Salvatore, contenuto nell'album Azz... pubblicato nel 1995. Settimo lavoro in studio per il cantautore napoletano, si tratta del suo disco di maggior successo aggiudicandosi oltre 500,000 copie vendute. La canzone è l'ottava traccia dell'album e racconta la storia centenaria della flatulenza; partendo da Re Ruggero, passando per Federico II di Svevia, finendo ai Borbone... ognuno aveva il suo particolare stile di esecuzione!

Articoli correlati

  • Azz… VacanzeAzz… Vacanze Intro: MI LAm SOL FA MI LAm SOL FA MI Programmi per le ferie, l’estate si avvicina LAm SOL FA […]
  • Nun Pozzo ParlàNun Pozzo Parlà Intro: SIm LA RE MIm SIm FA#7 SIm SIm LA RE MIm SIm FA#7 SIm SIm DO#7 Entrate donna Amà sono in cucina FA#7 […]
  • Incidente TelefonicoIncidente Telefonico (Pronto?) ‘Bronto, bronto, casa Caracciòlo? (Qui è caràcciolo, chi parla?) Salvatore la Guardiola, ho chiamato per parlarla (Dica pure la Guardiana) La […]
  • Incidente in ParadisoIncidente in Paradiso Intro: DO LAm REm SOL DO LAm REm SOL DO LAm REm SOL È permesso posso entrare? Vorrei un posto in Paradiso DO […]
  • Ninna Nanna 2Ninna Nanna 2 Intro: MIm LAm SI7 MIm MIm LAm SI7 MIm SI7 MIm MIm 'Amore? Son tornata! Non ti dico che serata! Piazza Dante era […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).