Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Majakovskij: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
DO#m7 Le quattro Pesanti come un colpo A Cesare quel ch'è di Cesare A Dio quel ch'è di Dio... DO#5 DO#m7 Se io fossi piccolo Come il grande oceano Camminerei sulla punta dei piedi delle onde Nell'alta marea Sino a sfiorar la luna Dove trovare un'amata Uguale a me Angusto sarebbe il cielo DO#5 Per potermi contenere... Se io fossi povero Come un miliardario Che cos'è il denaro per l'anima è un ladro insaziabile Si annida in essa All'orda di tutti i miei più sfrenati desideri DO#m Non basterebbe l'oro SIadd9 LA Di tutte le californie DO#m Non basterebbe l'oro SIadd9 LA Di tutte le californie DO#m Se io potessi balbettare Come Dante o Petrarca Accendere l'anima per una sola Ordinarle coi versi di bruciare Le parole del mio amore sarebbero Un arco di trionfo Pompose e inutili Vi passerebbero le amanti Di tutti i secoli dei secoli... SI/DO# DO#m SI/DO# DO#m E così sia SI/DO# DO#m SI/DO# DO#m SI/DO# DO#m SI/DO# DO#m Se io fossi silenzioso Come il tuono Gemerei abbracciando in un tremito Il decrepo eremo terrestre Urlerò con la mia voce immensa Le comete torceranno le ali fiammeggianti è giù si gettano a capofitto Per la malinconia DO#5 Coi raggi degli occhi rosicchierei le notti Se io fossi buio Come il sole Ma perché mai dovrei io Abbeverare Con il mio splendore Il ventre dimagrato MI Della terra... FA#m ...Morirò Porterò via con me Il mio amore immenso In quali notti Quali malattie Da quali Golia fui generato Così grande Così inutile... DO#m LA DO#m LA FA#m MI DO#m SI LA DO#m

Credits

Testo: CAPOVILLA PIERPAOLO
Editore: © UNIVERSAL MUSIC PUBLISHING RICORDI S.R.L
 
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Majakovskij: Video

Majakovskij è un brano composto e inciso da Il Teatro degli Orrori, contenuto nell'album A sangue freddo pubblicato nel 2009. Secondo lavoro in studio per la band di Marghera, è frutto della collaborazione con Mauro Pagani ed è dedicato all'attivista nigeriano Ken Saro-Wiwa ucciso nel 1995. La canzone prende spunto da "All'amato se stesso dedica queste righe l'autore", poesia di Vladimir Vladimirovič Majakovskij scritta nel 1916.

Articoli correlati

  • A Sangue FreddoA Sangue Freddo SOLm SIb FA non ti ricordi di Ken Saro Wiwa? SOLm il poeta nigeriano SIb FA SOLm un eroe dei nostri tempi SIb […]
  • Io Cerco TeIo Cerco Te REm Io cerco te cerco te Io cerco te cerco te REm7 Qualcuno di cui non dirò il nome sebbene sia certo lo spettacolo umano più bello […]
  • E Lei VenneE Lei Venne RE5 Finalmente è morta, folle creatura Adesso posso bere quanto mi pare Senza vederti impazzire, senza dovermi sfibrare, Ma soprattutto senza […]
  • La Canzone di TomLa Canzone di Tom DO#m7 Hai sentito di Tom? MI Tom che se n'è andato via! SOL#m7 Questo non è uno scherzo, MI Non è neanche una […]
  • Non Vedo l’OraNon Vedo l’Ora MIm Porto via con me la fame e la miseria di un paese che non gode ormai di fortuna alcuna nessuna Porto via con me me la mia guerra civile anche se a […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).