Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Composta nel 1834 da Frédéric Chopin e dedicata a Julian Fontana (altro pianista polacco), Fantaisie-Impromptu è anche nota come Opera postuma 66 in do diesis minore e fu pubblicata dallo stesso Fontana seppur contro la volontà dell’amico autore.
Il brano fa leva spesso sulle differenze ritmiche tra le due mani, in modo da dare l’impressione di un “flusso continuo” di note: la mano destra esegue i sedicesimi mentrentre la sinistra sestine di ottavi.
Dall’allegro agitato iniziale si rallenta con un largo, si passa poi ad un moderato cantabile con modulazione in re bemolle maggiore per poi ritornare nella parallela minore (seppur do diesis) per il presto.

Spartito per Pianoforte

Download

Spartito per Pianoforte

Edizione alternativa
Download

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
 

Fantaisie-Impromptu Op.66: Video

Articoli correlati

 Frédéric Chopin: Vedi tutti i brani
Minute Waltz

Il Valzer Op.64 numero 1, meglio conosciuto col nome Minute Waltz, è una composizione per piano scritta di Frédéric Chopin nel 1847, durante il periodo […]

Ballade Op.23 n.1

La Ballade n.1 in Sol minore è la prima delle quattro scritte da Frédéric Chopin tra il 1835 ed il 1842. Composta durante i suoi […]

Etude Op.10 n.3

Celebre composizione per solo piano scritta da Chopin nel 1832, il numero 3 dell’opera pubblicata l’anno successivo come numero 10 in Francia, Germania ed Inghilterra […]

Etude Op.10 n.4

Lo Studio op. 10 numero 4 in do diesis minore fu composto da Chopin nel 1830 e pubblicato in Francia, Inghilterra e Germania tre anni […]

Notturno Op.9 n.2

Il Notturno Op. 9 n.2 in Mi bemolle maggiore è uno dei più popolari tra i 21 notturni scritti da Frèdèric Chopin (considerato il massimo […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
35 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).