Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

La numero 2 è la seconda delle 19 rapsodie ungheresi composte da Franz Liszt intorno alla metà del 1800. In particolare questa risale al 1847 ed è dedicata allo scrittore ungherese Laszlo Teleki: è ritenuto uno dei capolavori di Liszt nonchè della musica classica in generale, un brano allo stesso tempo ricco di virtuosismi ed in grado di catturare anche l’orecchio meno attento grazie alla sua melodia di immediato riconoscimento.
Il brano apre con la prima parte denominata Lassan (“Lentamente”) in tonalità di Do diesis minore, che è anche la tonalità del brano stesso. A seguire sono frequenti le modulazioni, in particolare nella seconda parte (Friska, ovvero “Fresco”) che si struttura principalmente in Fa diesis minore con cambi in La maggiore e, appunto, in Do diesis minore.
A livello televisivo e mediatico in generale la Rapsodia Ungherese n.2 è indubbiamente una delle composizioni per solo piano più utilizzate in assoluto.

Spartito per Pianoforte

Download

Spartito per Pianoforte

Edizione alternativa
Download

 
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Rapsodia Ungherese n.2: Video

Articoli correlati

  • La CampanellaLa Campanella La Campanella è il soprannome associato al terzo dei sei studi di Franz Liszt sulla musica di Niccolò Paganini ("Grandes études de Paganini" Op. S.141 del 1851). Consiste in una […]
  • Liebestraum n.3Liebestraum n.3 Col termine Liebestraume (dal tedesco "sogno d'amore") ci si riferisce ai tre notturni per solo pianoforte composti da Franz Liszt e pubblicati nel 1850. Furono ispirati al […]
  • Un Disco All’Anno: 2007Un Disco All’Anno: 2007 The National - Boxer Lo stile chitarristico e le ritmiche che hanno contraddistinto band ben più “selvagge” negli anni passati, li ritroviamo anche in questo album, […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2006Un Disco Italiano All’Anno: 2006 Vinicio Capossela - Ovunque Proteggi L'eclettico cantautore di origini campane riesce sempre a sorprendere il proprio pubblico. Non possiamo infatti rinchiudere la sua […]
  • Un Disco Italiano All’Anno: 2004Un Disco Italiano All’Anno: 2004 Verdena - Il Suicidio Dei Samurai I Verdena mostrano, alla prova del terzo disco, di saper suonare un sano e crudo rock italiano. Malinconia e rabbia agitano la verve […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).