Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Quella tratta dalla seconda scena del secondo atto dell’Aida di Giuseppe Verdi è con ogni probabilità la più celebre marcia trionfale di tutta la musica classica; con essa trionfa l’intera scena dell’opera, raccontando il ritorno di Radames con le truppe egiziane dalla storica vittoria contro le truppe etiopi, poco prima di essere incoronato Re dell’Egitto.
Fu scritta, come del resto l’opera tutta, nel 1870 e fu rappresentata per la prima volta ad Il Cairo l’anno seguente: contrariamente a quanto si crede non fu scritta dal compositore romagnolo per celebrare l’apertura del Canale di Suez del 1869, bensì fu semplicemente un lavoro svolto su commissione dello stesso vicerè egiziano, che lo pagò profumatamente. In realtà gli era stata proposta la celebrazione dell’apertura del Canale, ma Verdi rifiutò motivando di non voler scrivere “opere occasionali”.
L’opera fu immediatamente un successo di proporzioni storiche, tanto ad Il Cairo quanto subito dopo in Italia, dapprima alla Scala di Milano l’8 febbraio 1872 e poi in tutti i più prestigiosi teatri del Bel Paese fino a diventare, come lo è tutt’oggi, una delle più rappresentate in assoluto in tutto il mondo.

Spartito per Pianoforte

Arrangiamento per solo Pianoforte
Download

Spartito per Pianoforte

Arrangiamento per solo Pianoforte, edizione alternativa
Download

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Marcia Trionfale dall’Aida: Video

Articoli correlati

 Giuseppe Verdi: Vedi tutti i brani
Va Pensiero (Nabucco)

Conosciuto anche come Coro degli Schiavi Ebrei, il Va Pensiero è il celeberrimo coro dal terzo atto dell’opera Nabucco di Giuseppe Verdi, composta su libretto […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).