La pausa in musica rappresenta il contrario della nota, ovvero il non-suono.
Il concetto di valore musicale, cioè di durata delle note, è applicabile anche ai silenzi e a quanto in termini di tempo essi debbano durare. Esistono 7 simboli particolari adibiti a questa funzione che, dal più lungo al più breve, valgono ciascuno il doppio del suo successore.

Articoli correlati

  • I valori musicali delle noteI valori musicali delle note Per quantificare quanto una nota debba durare (si badi che la durata di una nota è un valore relativo, che cioè ha senso solo se rapportato alla durata delle altre) si […]
  • Il Pentagramma e la posizione delle noteIl Pentagramma e la posizione delle note Il Pentagramma sono i 5 righi orizzontali, posti parallelamente uno sopra l'altro, entro i quali si determinano le posizioni di ciascuna nota musicale. Esso si costruisce […]
  • Il doppio pentagrammaIl doppio pentagramma Strumenti quali l'arpa, il pianoforte ed i derivati di quest'ultimo (fisarmonica, harmonium, celesta) possiedono un'estensione tale da permettere contemporaneamente parti di […]
  • Il punto, il doppio punto e la durata delle noteIl punto, il doppio punto e la durata delle note Un punto a destra di una nota (o di una pausa) funge da modificatore della durata della stessa. Per l'esattezza ne prolunga tale durata di un'ulteriore metà. In altre parole, […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti 29 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO. Twitter @albertomoneti