Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

Cara Catastrofe: Accordi

Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
Intro: FA#m RE FA#m RE FA#m RE Sventoleremo le nostre radiografie per non fraintenderci FA#m RE Ci disegneremo addosso dei giubbotti antiproiettile FA#m RE FA#m RE Costruiremo dei monumenti assurdi per i nostri amici scomparsi FA#m RE E vieni a vedere l'avanzata dei deserti FA#m Tutte le sere a bere RE FA#m Per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge RE FA#m Vedrai che scopriremo delle altre Americhe io e te RE FA#m Che licenzieranno altra gente dal call center RE Che ci fregano sempre FA#m Che ci fregano sempre RE Che ci fregano sempre FA#m RE Che ci fregano sempre FA#m Cara catastrofe, RE FA#m Le impronte digitali e di notte le pattuglie RE Che inseguono le falene FA#m RE E le comete come te FA#m RE Tra le lettere d'amore scritte a computer FA#m Che poi ci metteremo a tremare come la California, RE FA#m amore, nelle nostre camere separate RE A inchiodare le stelle FA#m A dichiarare guerre RE FA#m A scrivere sui muri che mi pensi raramente RE Che ci fregano sempre FA#m Che ci fregano sempre RE Che ci fregano sempre FA#m RE Che ci fregano sempre FA#m RE FA#m E per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge RE Adesso che sei forte FA#m RE Che se piangi ti si arrugginiscono le guance FA#m RE FA#m E per struccarti useranno delle nuvole cariche di piogge RE Adesso che sei forte FA#m RE FA#m RE Che se piangi ti si arrugginiscono le guance FA#m RE (Ti si arrugginiscono le guance) FA#m RE (Ti si arrugginiscono le guance)...
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Credits

Autore: VASCO BRONDI
Copyright: LYRICS © SONY/ATV MUSIC PUBLISHING LLC
 

Cara Catastrofe: Video

A causa di un errore nel codice di YouTube, il video potrebbe al momento non essere visualizzato correttamente. Si prega di riprovare più tardi

Cara Catastrofe è un brano di Vasco Brondi, in arte Le Luci della Centrale Elettrica contenuto nell'album Per ora noi la chiameremo felicità pubblicato nel 2010. Secondo lavoro in studio per il cantautore ferrarese, fa un passo in avanti nella cura degli arrangiamenti, inserendo sezioni di fiati e archi. La canzone parla del saper guardare la realtà anche quando è scomoda, quindi accettarla e riuscire a conviverci.

Articoli correlati

  • Nel Profondo VenetoNel Profondo Veneto MI LA Tempi presenti, casini interni, casini esterni SI MI Tempi impossibili, tempi noiosi, tempi […]
  • A Forma di FulmineA Forma di Fulmine Intro: SOL LAm DO SOL SOL LAm Possiamo correre, possiamo andarcene O stare immobili e lasciare tutto splendere DO […]
  • Le Ragazze KamikazeLe Ragazze Kamikaze Intro: FA7+ FA E se gli alberghi appena costruiti coprono i tramonti Tu non preoccuparti tu non preoccuparti […]
  • Una Guerra FreddaUna Guerra Fredda Intro: SOLm FA SOLm FA SOLm E gli strascichi delle nostre ombre lunghe FA Come tutta Via XX Settembre Avevi ancora le tue […]
  • Stelle MarineStelle Marine Intro: SIm SOLadd9 FA#m7/4 MIm SIm In questa notte di disordine SIm/RE SOLadd9 Sentinelle è andata via la luce FA#m7/4 Tutti […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
34 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).