Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

L’Amore ai Tempi dei Licenziamenti dei Metalmeccanici: Accordi

Intro: LA SIm LA SIm LA SIm RE SIm RE Era per questioni condominiali e sentimentali SIm RE per disegnarti sulla schiena delle strisce pedonali SIm per distruggere una fabbrica RE SIm perché è troppo malinconica RE SIm RE Era per i tuoi occhi all'ufficio degli oggetti smarriti SIm fare l'amore nei container RE SIm tra i file di ricordi e non poterti raggiungere RE SIm perché ci sono le targhe dispari RE SIm E i nostri venerdì neri RE SIm i tuoi miracoli economici RE SIm i lunedì difettosi LA accompagnami a raccogliere i petardi SIm che non sono esplosi il nostro scambio d'organi LA ha imbrattato le pareti dobbiamo ridipingerle SIm LA SIm LA SIm LA SIm E andremo a prendere freddo da qualche parte LA SIm e andremo a prendere freddo da qualche parte RE SIm RE Era per questioni condominiali e sentimentali SIm RE per gli scontri tra gli interregionali e i treni merci SIm per i diluvi universali dei tuoi pianti RE SIm era per l'altamarea nei nostri sguardi RE SIm per i cieli dipinti con i pennarelli scarichi RE SIm e altri cieli coperti dai copertoni bruciati RE SIm e dai tuoi sbattimenti RE SIm Dai nostri martedì magri RE SIm dai tuoi voli aerei economici RE SIm da altri lunedì difettosi LA accompagnami a raccogliere i petardi SIm che non sono esplosi il nostro scambio d'organi LA ha imbrattato le pareti dobbiamo ridipingerle SIm LA SIm LA SIm LA SIm È l'amore ai tempi dei licenziamenti dei metalmeccanici LA SIm è l'amore ai tempi dei licenziamenti dei metalmeccanici RE SIm RE SIm RE SIm RE SIm
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

L’Amore ai Tempi dei Licenziamenti dei Metalmeccanici: Video

L'Amore ai Tempi dei Licenziamenti dei Metalmeccanici è un brano scritto e interpretato da Vasco Brondi, conosciuto con il suo progetto Le Luci della Centrale Elettrica, contenuto nell'album Per ora noi la chiameremo felicità pubblicato nel 2010. Secondo lavoro in studio per il cantautore veronese, è stato definito da lui stesso come "un disco fuori tempo e fuori moda". La canzone si presenta come la classica ballata cantautorale accompagnata dalla chitarra acustica.

Articoli correlati

  • Quando Tornerai dall’EsteroQuando Tornerai dall’Estero Intro: FA LAm DO SIdim LAm FA le morti bianche le cravatte blu LAm il tuo fuoco amico […]
  • La Terra, l’Emilia, la LunaLa Terra, l’Emilia, la Luna Intro: RE SIm SOL LA RE SIm Madonna che silenzio che c'è stasera SOL LA sotto un cielo […]
  • ChakraChakra Intro: SIm LA RE MIm7 SIm LA RE MIm Ci sono le prove e risvegli la tua vita una ninnananna inventata […]
  • C’Eravamo Abbastanza AmatiC’Eravamo Abbastanza Amati Intro: DO FA7+ DO FA7+ DO c'eravamo abbastanza amati FA7+ poi siamo volati su dei campi di grano rettangolari non […]
  • Cara CatastrofeCara Catastrofe Intro: FA#m RE FA#m RE FA#m RE Sventoleremo le nostre radiografie per non fraintenderci FA#m RE […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).