Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Perdere l’Amore: Accordi

Intro: MI SI7 MI SI E adesso andate via voglio restare solo FA#m SI MI Con la malinconia, volare nel suo cielo MI7 LA Non chiese mai chi eri, perché scegliesti me FA#m SI7 me che fino a ieri credevo fossi un re MI Perdere l'amore quando si fa sera DO#7 FA#m Quando tra i capelli un po' d'argento li colora SI MI Rischi d'impazzire, può scoppiarti il cuore LA SI MI SI7 Perdere una donna e avere voglia di morire MI Lasciami gridare, rinnegare il cielo DO#7 FA#m Prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo LA Li farò cadere ad uno ad uno MI SI7 Spezzerò le ali del destino e ti avrò vicino MI SI Comunque ti capisco e ammetto che sbagliavo FA#m SI MI Facevo le tue scelte, chissà che pretendevo MI7 LA E adesso che rimane di tutto il tempo assieme FA#m SI7 un uomo troppo solo che ancora ti vuol bene MI Perdere l'amore quando si fa sera DO#7 FA#m Quando sopra il viso c'è una ruga che non c'era SI MI Provi a ragionare, fai l'indifferente LA SI MI SI7 Fino a che ti accorgi che non sei servito a niente MI E vorresti urlare, soffocare il cielo DO#7 FA#m sbattere la testa mille volte contro il muro LA Respirare forte il suo cuscino MI SI7 Dire è tutta colpa del destino se non ti ho vicino MI Perdere l'amore, maledetta sera DO#7 FA#m che raccogli i cocci di una vita immaginaria LA pensi che domani è un giorno nuovo MI SI ma ripeti non me l'aspettavo, non me l'aspettavo
LAb/SIb MIb DO7 FAm Prendere a sassate tutti i sogni ancora in volo LAb Li farò cadere ad uno ad uno MIb SIb7 Spezzerò le ali del destino e ti avrò vicino LAb MIb Perdere l'amore........
Principiante o Intermedio? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Perdere l’Amore: Video

Perdere l'Amore è un brano cantato da Massimo Ranieri nel 1988 e presentato al Festival di Sanremo. Finì al primo posto e rimase in vetta alla classifica italiana per ben 5 settimane. Scritta da Marcello Marrocchi e Giampiero Artegiani, era già stata presentata alla commissione del Festival l'anno precedente, interpretata però da Gianni Nazzaro, venendo scartata. La canzone dà il nome all'album che uscì in seguito alla vittoria del Festival, lo stesso anno.

Articoli correlati

  • La Voce del SilenzioLa Voce del Silenzio RE#m Volevo stare un po' da solo per pensare e tu lo sai ed ho sentito nel silenzio DO# FA# una voce dentro me […]
  • Se Bruciasse la CittàSe Bruciasse la Città Intro: MIm LA DO RE MIm MIm Il cuore mio non dorme mai RE Sa che di un altro adesso sei Tua madre va dicendo che […]
  • L’IstrioneL’Istrione Intro: SI RE#m MI FA# SI RE#m MI FA# SI RE#m Io sono un istrione MI FA# ma la genialità è nata insieme a […]
  • Vent’AnniVent’Anni SOL MIm La mia vita cominciò DO RE4 RE Come l'erba come il fiore SOL MIm E mia madre mi baciò DO […]
  • Quando l’Amore Diventa PoesiaQuando l’Amore Diventa Poesia Intro: DOm FA DOm FA DOm Io canto il mio amore per te FAm questa notte diventa poesia SIb la […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).