Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Video Stampa Segnala

E Lei Venne: Accordi

Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra
RE5 Finalmente è morta, folle creatura Adesso posso bere quanto mi pare Senza vederti impazzire, senza dovermi sfibrare, Ma soprattutto senza con gesta quotidiane richiamare l'attenzione delle forze dell'ordine RE5 E lei venne! Folle di una creatura, Incontro a un destino Beffardo e crudele RE5 Era era era un' estate come questa che mi innamorai di lei Per spegnere la sete orrenda che mi divora dentro Non basterebbe il vino che può contenere la sua tomba E non è poco visto che l'ho gettata dritta in fondo a un pozzo! RE5 E lei venne! Folle di una creatura, Incontro a un destino Beffardo e crudele Folle di una creatura, Incontro a un destino DO5 MIb5 LA5 Beffardo e crudele Ma quanto siete stronzi, sfigati e ricchi di mai DO5 Nè d'estate nè d'inverno LA5 avete saputo cosa sia davvero l'amore Evviva! Sono libero! DO5 MIb5 LA5 Libero, oh, la libertà della mente! Adesso posso bere quanto cazzo mi pare, Senza vederti impazzire, DO5 LA5 Senza dovermi sfigurare, Ma soprattutto senza con gesta quotidiane DO5 MIb5 richiamare l'attenzione delle forze dell'ordine RE5 Stasera mi sbronzo di brutto E alla fine mi sdraio per terra e dormo come un cane Mi passasse sopra un tir o un intercity.. io me ne frego! Me ne frego di dio, Me ne frego del demonio, Me ne frego dei sacramenti, Me ne frego di te Non me ne frega niente di dio, del demonio, dei sacramenti e di te RE5 Folle di una creatura, Incontro a un destino DO5 MIb5 RE5 Beffardo e crudele Oh, non siamo tutti chi un po' più o chi un po' di meno, DO5 MIb5 RE5 Siamo tutti, tutti, tutti completamente pazzi
Chitarra solista: Impara a suonare gli Assoli di Chitarra

Credits

Autori: CAPOVILLA PIERPAOLO, MIRAI GIONATA, RAGNO FAVERO GIULIO, VALENTE FRANCESCO
Copyright: © UNIVERSAL MUSIC PUBLISHING RICORDI S.R.L.
 

E Lei Venne: Video

E Lei Venne è un brano composto e inciso da Il Teatro degli Orrori, contenuto nell'album Dell'impero delle tenebre pubblicato nel 2007. Disco d'esordio per la band di Marghera, viene considerato dalla critica specializzata come il loro miglior lavoro in studio, grazie ad un alto livello dei testi e ricerca sonora. La canzone, come le altre, è firmata dal frontman Pierpaolo Capovilla e trae ispirazione da "Il vino dell'assassino"... componimento poetico di Charles Baudelaire.

Articoli correlati

 Il Teatro degli Orrori: Vedi tutte le canzoni
Non Vedo l’Ora
Non Vedo l'Ora è un brano composto e inciso da Il Teatro degli Orrori, contenuto nell'album Il mondo nuovo pubblicato n...
Cuore d’Oceano
Cuore d'Oceano è un brano composto e inciso da Il Teatro degli Orrori, contenuto nell'album Il mondo nuovo pubblicato n...
È Colpa Mia
È Colpa Mia è un brano scritto e interpretato dal gruppo Il Teatro degli Orrori contenuto nell'album A sangue freddo p...
A Sangue Freddo
A Sangue Freddo è un brano scritto e interpretato da Il Teatro degli Orrori contenuto nell'album omonimo pubblicato nel...
Majakovskij
Majakovskij è un brano composto e inciso da Il Teatro degli Orrori, contenuto nell'album A sangue freddo pubblicato nel...

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
35 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).