Per questioni di tempo (musicale) e di leggibilità, le note in un pentagramma vengono raggruppate in successioni. Ciascuna di esse si chiama misura o battuta musicale ed è riconoscibile poichè delimitata da due righe verticali sul pentagramma che indicano l’inizio e la fine della battuta stessa (tale fine coincide con l’inizio della successiva).
Ciascuna battuta raggruppa lo stesso valore di note: la somma dei valori delle note dentro una battuta è la stessa per tutte le battute del pentagramma.

Questo valore totale non è casuale e può variare da uno spartito all’altro. Viene indicato da una frazione posta all’inizio dello spartito stesso e subito dopo la chiave musicale, che prende il nome di tempo.

Nell’esempio in figura qui sopra ciascuna battuta dovrà contenere un valore totale di 4/4. Tale valore può essere ottenuto in un’infinità di modi, ricordando i valori musicali di ciascuna nota (ma anche quelli delle pause):

  • Due minime
  • Quattro semiminime
  • Due semiminime + quattro crome
  • Eccetera.
 

Articoli correlati

  • Il punto, il doppio punto e la durata delle noteIl punto, il doppio punto e la durata delle note Un punto a destra di una nota (o di una pausa) funge da modificatore della durata della stessa. Per l'esattezza ne prolunga tale durata di un'ulteriore metà. In altre parole, […]
  • La Legatura di ValoreLa Legatura di Valore Come indicare una nota che si estende a cavallo di due battute? E' per questa esigenza che è nata la legatura di valore: essa consiste in un ponte (o un arco se preferite) che […]
  • Utilizzo delle chiavi musicaliUtilizzo delle chiavi musicali Consideriamo la seguente domanda: "Se le note che taluni strumenti sono in grado di eseguire (vedi ad esempio il pianoforte) sono così tante, come le si può rappresentare […]
  • I valori musicali delle noteI valori musicali delle note Per quantificare quanto una nota debba durare (si badi che la durata di una nota è un valore relativo, che cioè ha senso solo se rapportato alla durata delle altre) si […]
  • Il doppio pentagrammaIl doppio pentagramma Strumenti quali l'arpa, il pianoforte ed i derivati di quest'ultimo (fisarmonica, harmonium, celesta) possiedono un'estensione tale da permettere contemporaneamente parti di […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).