C’Eravamo Abbastanza Amati è un brano scritto e interpretato da Vasco Brondi, meglio conosciuto col progetto musicale Le Luci della Centrale Elettrica, contenuto nell’omonimo album pubblicato nel 2011. Disco di debutto per il cantautore veronese, contiene alcune cover, in omaggio ad alcuni cantautori come Franco Battiato e Francesco Guccini. La canzone è una ballata in stile cantautorale.

Testo e Accordi.

Le Luci della Centrale Elettrica C’Eravamo Abbastanza Amati Accordi per Chitarra Chords Testo

Intro: DO FA7+ DO FA7+ DO c'eravamo abbastanza amati FA7+ poi siamo volati su dei campi di grano rettangolari non pensarmi non pensarmi DO mi dicevi mentre atterravi tra i tuoi capelli dei fiori di camomilla FA7+ dei fiori diventavano rossi i tuoi 23 anni i miei 26 anni DO alla radio hanno detto che i nostri corpi FA7+ hanno causato solo alcuni rallentamenti DO i tuoi 23 anni i miei 26 anni FA7+ mi hai detto solo così solo con queste esplosioni SOL possiamo creare quei soli DO FA7+ che si vedono di notte in nord Europa SOL ma non c'ho mai capito un cazzo dei tuoi discorsi DO Un anno prima sul litorale con le stelle bianche e il bar chiusi FA7+ perché non lasciavano dormire il ritmico piovere DO e noi due attaccati a una parete per ripararci Con questo tempo è meglio non prendere gli ascensori, FA7+ in questi periodi neri spettacolari SOL MI7 LAm E per scaldarci non ci basteranno le nostre mani, DO LAm con gli occhi azzurri sempre più chiari SOL FA7+ almeno alla fine c'erano dei bellissimi cieli autunnali Quando ti ho dato tre fazzoletti di carta per pulirti la bocca MI7 quando l'ultima volta ti ho chiamata, LAm non ti sei neanche girata, eri così seria Eri già volata, eri nella stratosfera DO Era per amore o per un'emorragia interna MI Mi dicevi pensa quando sulla superficie terrestre LAm resteranno soltanto dei sacchetti di plastica svolazzanti, dei libri fotografici DO LAm Se solo anche tu fossi stata di plastica DO SOL o di un altro materiale stabile non degradabile DO Guarda com'è lunga questa eclissi chiamami anche sul tardi con questo tempo è meglio non tenersi troppo lontani, FA7+ in questi periodi neri spettacolari DO C'eravamo abbastanza amati FA7+ poi siamo volati su dei campi di grano rettangolari non pensarmi non pensarmi DO mi dicevi mentre atterravi tra i tuoi capelli dei fiori di camomilla FA7+ dei fiori diventavano rossi i tuoi 23 anni i miei 26 anni DO alla radio hanno detto che i nostri corpi hanno causato FA7+ solo alcuni rallentamenti i tuoi 23 anni i miei 26 anni DO FA7+ Mi hai detto solo così solo con queste esplosioni SOL possiamo creare quei soli DO FA7+ SOL che si vedono di notte in nord Europa ma non c'ho mai capito un cazzo dei tuoi discorsi

Articoli correlati

  • Le Ragazze Stanno BeneLe Ragazze Stanno Bene Le Ragazze Stanno Bene è un brano scritto e interpretato da Vasco Brondi, meglio conosciuto col progetto musicale Le Luci della Centrale Elettrica, contenuto nell'album […]
  • Per Combattere l’AcnePer Combattere l’Acne Per Combattere l'Acne è un brano di Vasco Brondi, meglio conosciuti col nome d'arte bizzaro di Le Luci della Centrale Elettrica, contenuto nell'album Canzoni da spiaggia […]
  • I Destini GeneraliI Destini Generali I Destini Generali è un brano scritto e interpretato da Vasco Brondi, meglio conosciuto col progetto musicale Le Luci della Centrale Elettrica, contenuto nell'album Costellazioni […]
  • Quando Tornerai dall’EsteroQuando Tornerai dall’Estero Quando Tornerai dall'Estero è un brano scritto e interpretato da Vasco Brondi, in arte Le Luci della Centrale Elettrica contenuto nell'album Per ora noi la chiameremo felicità […]
  • Cara CatastrofeCara Catastrofe Cara Catastrofe è un brano di Vasco Brondi, in arte Le Luci della Centrale Elettrica contenuto nell'album Per ora noi la chiameremo felicità pubblicato nel 2010. Secondo lavoro […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
31 anni; pianista dall'età di 8 anni, organista, percussionista, chitarrista, ha conseguito la licenza in teoria e solfeggio al Conservatorio Cherubini di Firenze. Webmaster, operatore di marketing online e SEO.
Le Luci della Centrale Elettrica