Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Professionista? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Dicitencello Vuje: Accordi

Intro: FAm SIbm6 LAb6 SOLm7/5- FAm SOLb DO7 FAm SIbm7 DO7 Dicitencello a 'sta cumpagna vosta FAm/LAb ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia SIbm7 DO7 ch a penzo sempe, FAm LAdim ch'è tutt a vita mia SIbm SOLm7/5- I' nce 'o vvulesse dicere, DO7 ma nun ce 'o ssaccio dí FAm SIbm6 DO7 A voglio bene FAm REb A voglio bene assaje SIbm DO7 Dicitencello vuje FAm ca nun mm a scordo maje SIbm6 DO7 È na passione, FAm REb cchiù forte 'e na catena, SIbm6 DO7 ca mme turmenta ll'anema FAm e nun mme fa campá FAm SIbm Dicitencello ch'è na rosa 'e maggio, SIbm6 FAm/LAb ch'è assaje cchiù bella 'e na jurnata 'e sole SIbm6 DO7 Da 'a vocca soja, FAm LAdim cchiù fresca d''e vviole, SIbm SOLm7/5- i' giá vulesse sèntere DO7 ch'è 'nnammurata 'e me FAm SIbm6 DO7 A voglio bene FAm REb A voglio bene assaje SIbm DO7 Dicitencello vuje FAm ca nun mm a scordo maje SIbm6 DO7 È na passione, FAm REb cchiù forte 'e na catena, SIbm6 DO7 ca mme turmenta ll'anema FAm e nun mme fa campá FAm SIbm6 Na lácrema lucente v'è caduta FAm/LAb dicíteme nu poco: a che penzate? SIbm6 DO7 Cu st'uocchie doce, FAm LAdim vuje sola mme guardate SIbm SOLm7/5- Levámmoce 'sta maschera, DO7 dicimmo 'a veritá FAm SIbm6 DO7 Te voglio bene FAm REb Te voglio bene assaje SIbm DO7 Si' tu chesta catena FAm ca nun se spezza maje SIbm6 DO7 Suonno gentile, FAm REb suspiro mio carnale SIbm6 DO7 Te cerco comm'a ll'aria FAm Te voglio pe' campá
Principiante o Professionista? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Dicitencello Vuje: Video

Dicitencello Vuje è un brano che apartiene allo storico repertorio popolare napoletano, scritta nel 1930 da Rodolfo Falvo per la musica, sul testo di Enzo Fusco. Una delle canzoni più struggenti ed emozionanti di questo repertorio, la storia che racconta è uno degli intrecci amorosi che meglio costruiti non si può! Un uomo confessa il suo amrore tormentato non direttamente ma tramite un'amica della persona amata. Colpo di scena, durante la canzone si scopre che in realtà è proprio l'amica che egli ama.

Articoli correlati

  • Era de MaggioEra de Maggio Intro: FA LAb LAm Era de maggio e te cadeano nzino FA MI a schiocche a schiocche li ccerase rosse, REm/MI MI […]
  • Dove Sta ZazàDove Sta Zazà DO Era la festa di San Gennaro, SOL7 quanta folla per la via... Con Zazá, compagna mia, DO me ne andai a […]
  • GuaglioneGuaglione Intro: DO7 FAm SOLb DO7 FAm Staje sempe ccà, 'mpuntato ccà, DO7 'mmiez'a 'sta via, nun mange cchiù […]
  • Anema e CoreAnema e Core FAm Nuje ca perdimmo 'a pace e 'o suonno, DO7 FAm SIbm nun ce dicimmo maje pecché? FAm SOL7 Vocche ca vase […]
  • Chella LlàChella Llà DOm St'ammore me teneva 'ncatenato FAm ma ho detto basta e mi so' liberato SOL7 LAb7 SOL7 me […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).