Traspositore
0
Semplifica
Testo
Auto-scroll
Traspositore
0
Semplifica accordi
Dimensioni Testo
0
Auto-scroll
Principiante o Professionista? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli

Il Vecchio E il Bambino: Accordi

Intro: MIm RE DO SI7 MIm RE DO SI7 SOL RE MIm SI7 SOL RE MIm SI7 MIm RE DO SI7 MIm RE DO SI7 MIm RE Un vecchio e un bambino si preser per mano DO SI7 e andarono insieme incontro alla sera MIm RE la polvere rossa si alzava lontano DO SI7 il sole brillava di luce non vera SOL RE Immensa pianura sembrava arrivare MIm SI7 fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare SOL RE e tutto di intorno, non c'era nessuno MIm SI7 solo il tetro contorno di torri di fumo MIm RE I due camminavano e il giorno cadeva DO SI7 il vecchio parlava, e piano piangeva MIm RE Con l'anima assente, con gli occhi bagnati DO SI7 seguiva il ricordo dei miti passati SOL RE I vecchi subiscon le ingiuria degli anni DO SI7 non sanno distinguere il vero dai sogni SOL RE I vecchi non sanno nel loro pensiero DO SI7 distinguer nei sogni, il falso dal vero MIm RE Il vecchio diceva guardando lontano: DO SI7 "Immagina questo coperto di grano MIm RE Immagina i frutti, immagina i fiori DO SI7 e pensa alle voci, e pensa ai colori SOL RE In questa pianura, fin dove si perde DO SI7 crescevano gli alberi e tutto era verde SOL RE Cadeva la pioggia, segnavano i Soli MIm SI7 il ritmo dell'uomo e delle stagioni" MIm RE Il bimbo distette lo sguardo, era triste DO SI7 Gli occhi guardavano cose mai viste MIm RE E poi disse al vecchio con voce sognante: DO "Mi piaccion le fiabe
LA MI LAadd9/MI MI LAadd9/MI raccontane altre..."
Principiante o Professionista? Scopri i nostri Corsi di Chitarra per tutti i livelli
 

Il Vecchio E il Bambino: Video

Il Vecchio E il Bambino è un brano reinterpretato dai Nomadi, contenuto nell'album I Nomadi interpretano Guccini pubblicato nel 1974. Come si evince dal titolo, si tratta di un omaggio che la band emiliana fa al suo autore per eccellenza fino agli anni ‘70, che risponde al nome di Francesco Guccini. Anche la canzone è opera del cantautore modenese e racconta in maniera poetica e sognante il grande scempio dell'abusivismo edilizio del secondo dopoguerra. Per un bambino sembra strano ma dove adesso ci sono file immense di fabbriche... prima c'erano ampie valli di campi coltivati.

Articoli correlati

  • La CollinaLa Collina Intro: MIm RE DO RE MIm RE DO RE MIm RE DO RE MIm RE DO RE MIm RE DO RE Dove finisce la città MIm RE SOL […]
  • La Vita Che SeduceLa Vita Che Seduce Intro: LAm MIm DO SOL LAm MIm DO SOL LAm MIm Forse hai ragione, la notte fa paura DO SOL Ma siedi […]
  • Tutto a PostoTutto a Posto FA#m SI FA#m Le mie gambe oramai sono stanche e vorrei LA SI Dare un po' di sonno agli occhi […]
  • Il Pilota di HiroshimaIl Pilota di Hiroshima Intro: MIm SIm SOL LAm SIm MIm MIm Fuori nel mondo chissà dove RE SOL o su nel cielo fra gli eterni […]
  • AuschwitzAuschwitz Intro: RE LA4 LA RE LA4 LA RE RE SIm Son morto con altri cento SOL RE Son morto ch'ero bambino DO […]

L'autore del post

Foto dell'autore
Alberto Moneti
33 anni, polistrumentista: pianoforte, chitarra, batteria, clarinetto. Ha conseguito la licenza in teoria musicale e solfeggio presso il Conservatorio Cherubini di Firenze. Dal 1997 è organista presso la Basilica di Santa Maria del Sasso, a Bibbiena (AR).